Ferruzzano (rc)/ Il professore Romolo Marando come lo ricorda la scrittrice, saggista, antropologo e critico letterario, Rosa Marrapodi

Ferruzzano (rc)/ Il professore Romolo Marando come lo ricorda la scrittrice, saggista, antropologo e critico letterario, Rosa Marrapodi

18 maggio 2017    10:2

 

IL RICORDO  DEL  PROF.  ROMOLO  MARANDO  DI FERRUZZANO

 

di Rosa Marrapodi

 

 

   Nella foto sopra, il professore Romolo Marando di Ferruzzano (rc)

 

Risultati immagini per Ferruzzano (rc) Risultati immagini per Ferruzzano (rc)

 Una veduta di Ferruzzano Antico             Ferruzzano Antico una frazione      

 

Non mi sarei sentita in pace con la mia coscienza ed i miei principi morali e civili, se oggi, giorno della ricorrenza del suo trigesimo sia pure con involontario ritardo, non avessi dedicato, attraverso questo mio breve discorso, la dovuta attenzione alla scomparsa del prof. Romolo Marando, figlio illustre di Ferruzzano, al quale ero legata da puri sensi di amicizia e di profonda, incondizionata stima.

Risultati immagini per Ferruzzano (rc)

  Ferruzzano Marina- Chiesa di San Giuseppe

 

Non potevo e non dovevo restare indifferente, infatti, di fronte alla dipartita non solo di un egregio collega e caro amico ma innanzitutto di un intellettuale gentiluomo d’altri tempi qual era il prof. Romolo Marando, del distinto e raffinato signore di buona famiglia, simbolo identitario dell’antico e nobile paese di Ferruzzano, qual era Romolo Marando.

romolo al camino rd 170

Uno studioso ed un “attento ricercatore di storia locale”, un pensatore, un inventore, un noto ed apprezzato scienziato, a scanso di ogni equivoco, con sopra il timbro del Ministero dell’Industria e del Commercio, “Ufficio Centrale Brevetti”, alla continua “ricerca e scoperta di nuovi orizzonti”col solo scopo di rendersi utile agli altri, non può, infatti, lasciare indifferente la nostra sensibilità di convinti estimatori della sua eccezionale capacità creativa.

Dopo aver letto e riletto, naturalmente con il cuore, come garbatamente suggerito nell’avvincente prefazione dalla nipote Ernesta Adele, il libro “Memorie nei paesi del terremoto”di Francesco Attilio

 

Romolo Marando a casa sua

 

Marando, farmacista e maestro di Ferruzzano, padre del prof. Romolo, “d’animo buono, curioso ed intelligente,…rapito dal mondo e dalle cose”, uno studioso ed uno scrittore anche lui, ho capito da chi il prof. Romolo avesse ereditato “la sua visione del mondo”, il suo estro, il suo cuore e la sua brillante fantasia.

romolo marando rd 200

Il ricordo di quel padre “ingegnoso”che gli trasmise l’amore per la lettura dell’universo e della natura in chiave scientifica accompagnerà il prof Romolo per tutta la vita e da esso trarrà ispirazione e forza per continuare lungo la non facile strada della ricerca e dell’invenzione, costellata da pregiudizi, incomprensioni e solitudine.

Immagine correlata

Era solo di fronte ai suoi esperimenti, come soli sono tutti i grandi, custodi d’idee geniali che si traducono in invenzioni utili all’umanità. Soltanto l’affettuosa osservazione di qualche anima semplice lo gratificava di tanto lavoro e sacrificio : “ Don Romulinu è prejatu ca fici a scarpa cu rihjatu!”, (don Romolino è contento, perché ha fatto la scarpa che respira).

 

 Nella foto, la signora medico-giornalista Ernesta Adele Marando, figlia del prof. Romolo

 

Appassionato di meccanica, fin da piccolo armeggiava coi vecchi moschetti della guerra del 1915/18, appartenuti al nonno Menotti. I fucili da lui preparati con piombo e polvere, la messa in fase dei motori a scoppio nel frantoio meccanico di famiglia, non più a trazione animale, l’attenta osservazione e lo studio di ogni congegno meccanico qualunque fosse a portata di mano, costituirono per Romolo Marando il retroterra propedeutico alla sua prima Invenzione, nel 1956, presentata alla Mostra Internazionale di Vigevano, Calzatura con camera d’aria con Brevetto rilasciato dal Ministero dell’Industria e del Commercio, Ufficio Centrale Brevetti, di grande successo.

 

Ad esso farà seguito, nel 1961, il secondo Brevetto per Invenzione Industriale dal titolo “Dispositivo Elettro- Automatico per Arrestare o Deviare le Navi in Piena Velocità Evitando Ogni Sorta di Collisione”, rilasciato dall’Ufficio Centrale Brevetti del Ministero dell’Industria e del Commercio.

Risultati immagini per Ferruzzano (rc)

Ferruzzano Marina- Una veduta panoramica

Ne seguiranno innumerevoli altre Invenzioni, tutte corredate da Brevetto  ministeriale, l’ultima delle quali risale al 2009, ma per esigenza di sintesi in questa sede mi fermo alla seconda, suggerendo, a chi volesse approfondire, di consultare il sito www.ernestamarandomedico.it/articoli/66-romolo-marando-di-ferruzzano-una-vita-nel-mondo-magico-delle-idee. Il prof. Romolo, in ogni caso, ci teneva tanto che io ricordassi a tutti che “per ogni brevetto d’invenzione non si fermava alla sola relazione tecnica, ma la faceva seguire dalla realizzazione pratica”.

foto-romolo-scarpa-200px

La sua, una vita intensamente vissuta “nel mondo magico delle idee”, appunto, nella costante familiarità con termini come massa, velocità, tempo, idrogeno, aria e loro combinati, non proprio sulla bocca di tutti. Una vita, la sua, quindi, non tesa ad arricchirsi ma ad inventare soluzioni meccaniche e scientifiche mirate al miglioramento delle condizioni di vita della collettività, dei contadini, della gente del suo Ferruzzano, quel paese che gli ha dato i natali, al quale era visceralmente legato ed in cui è sempre vissuto, attaccato alla sua “sena”, ascoltando la voce del mare e delle cicale, sul cui canto ha condotto un interessante studio.

 

Ogni volta che andavo a fargli visita, anche negli ultimi tempi, sebbene sofferente, lo trovavo al computer con degli occhiali speciali che il figlio, ing. Beniamino, gli aveva mandato, intento a parlare su skipe con ferruzzanoti emigrati oltre Oceano, in Australia o in America. “Con chi state parlando, professore? “ e lui di rimando: “Con un ferruzzanoto amico mio, che vive in Australia, signora.

 

   Romolo Marando 1956

 

E’ Roccuzzegliu …, è stato alunno mio ed ancora si ricorda di me e mi chiama spesso.” E gli occhi appannati gli si inumidivano di gioia. Questo era il prof Romolo Marando! Grande, non comune, il suo senso del dovere! Lo ricordo presente ai funerali di paesani di qualunque ceto sociale, anche ultimamente, nonostante fosse quasi cieco, aggrappato al braccio della sua diletta signora, donna Teresina Romeo, perché si sentiva parte dell’anima di questo suo caro paese, nel bene e nel male.

http://www.ernestamarandomedico.it/images/medicina/60-news-ernesta-marando-g.jpg

Amava, infatti, Ferruzzano ed i ferruzzanoti con tutto il suo cuore di figlio devoto, ligio ai doveri di paesano e di cittadino. Il prof. Pasquale Mollica nel suo libro “Cera una volta Motticella” lo colloca accanto ad Edward Lear per quel suo scritto inedito che amabilmente il prof. Romolo gli aveva fornito come fonte attendibile di interessanti notizie, frutto di studio e di ricerca personale sul territorio magno-greco.

 

Non è necessario che io lo faccia, tuttavia mi permetto di ricordare alla sua squisita famiglia, particolarmente a Luciana che gli è sempre stata accanto, la pubblicazione del prezioso scritto, più volte citato da Pasquale Mollica nella sua opera, in modo che tutti possano beneficiare delle appassionate ricerche del dotto prof. Romolo sulle origini storiche dei nostri paesi.”Non è stata fatica gettata al vento”, quella di Romolo Marando!

romolo-e-teresina-1951-200px

I suoi studi, i suoi scritti, le sue invenzioni parlano di lui e per lui, infatti, e lo collocano tra i “forti” di foscoliana memoria, sulla cui tomba “l’amistà raccolga/ non di tesori eredità, ma caldi/ sensi e di liberal carme l’esempio”.

 

Personalmente m’inchino dinnanzi al ricordo dell’insieme semplice e prestigiosa figura di Romolo Marando, a cui va il mio doveroso rispetto ed il mio affettuoso omaggio.

Rosa    Marrapodi                                                           

Ferruzzano,  17 Maggio 2017    
 

FONTE:

 

RADIOCIVETTA

***********************************************************

Post su Facebook della dottoressa Adele Ernesta Marando, pupilla del compianto professore Romolo Antonino

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 1 persona

Un commosso e sentito grazie, anche da parte della mia Famiglia, a tutti coloro che ieri, in una Chiesa gremita e fuori sotto la pioggia, hanno onorato la memoria di mio Padre partecipando alla celebrazione di una Santa Messa in Sua memoria. A tutti coloro che hanno manifestato affetto anche qui sui social non potendo essere presenti. Un abbraccio e un grazie particolare alla gentilissima Professoressa Rosa Marrapodi, che ha avuto parole bellissime per mio Padre, alla conclusione della cerimonia religiosa celebrativa.
Grazie di cuore.
In questi momenti di dolore la condivisione con la comunità é come un grande abbraccio affettuoso.

 

Alla Professoressa Rosa Marrapodi. Coltissima Signora del Sud.
Grazie, Prof. Rosa. Hai fatto di mio Padre un ritratto bellissimo. Hai colto, con la Tua sensibilità la Sua sensibilità e il suo Genio. E la Sua umiltà. Come solo i Grandi sanno essere.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono

 

Gentilissima signora dottoressa Adele Ernesta Marando, direttore responsabile ed editore, di Radio civetta vorrei ringraziarla anche a nome del mio editore professor Elio Cotronei per le belle parole rivolte alla professoressa Rosa Marrapodi, ex sindaco di Bruzzano Zeffirio, docente apprezzata e stimata, scrittrice affermata, antropologo-a, saggista, poetessa, critico d'arte e critico letterario, giornalista di diverse testate cartacee ed on line, personaggio di talento culturale, compreso deliapress.it. Il direttore

****************************************************************************

 

RADIOCIVETTA

 
 
 
 
 

athena-logo-piccoloCHI SIAMO OGGI

Giornale online a carattere politico e culturale.

Sono presenti articoli riguardanti il diritto alla salute, alla libertà, alla giustizia, al rispetto dei diritti umani, alla scienza, ai ricordi ed altro. Il portale è nato il 20 gennaio 2007 ed è' senza fini di lucro. Gli articoli sono pubblicati gratuitamente, gli autori non percepiscono alcun compenso monetario, solo la gioia di potere avere la libertà di esprimere il loro pensiero rispettando naturalmente le norme dell'etica.

Lo spirito che anima questo portale è: la compassione, l'amore per la verità, la giustizia in ogni campo. L'uguaglianza tra i popoli del nord e del sud del mondo. Il giornale pubblica, nel rispetto della libertà di espressione, anche articoli che  divergano dalla linea editoriale, purchè scritti nel rispetto della libertà di ciascuno come espressa dai principi del  Diritto Internazionale e della Costituzione.

RadioCivetta è nato come semplice portale web di informazione , senza fini di lucro,  il 20 gennaio 2007 ed è diventato un Giornale periodico on line a carattere politico e culturale, il 2 maggio 2008  quando è stato iscritto al n. 177/2008 del Registro di Stampa - Tribunale di Roma. Radio Civetta perché questo nome? Perché la Civetta nella mitologia greca rappresenta la Dea Athena, la Dea Civetta della Sapienza della Morte e della Rigenerazione. La Civetta, l’uccello che vede attraverso il buio della Notte. Metafora chiara per intendere che possiamo vedere quello che in genere viene fatto di nascosto. Nell’oscurità.

Avevo scritto allora “Chi siamo”, che ora è diventato “Chi eravamo", quando è nato il portale, ormai quasi cinque anni fa. Ma in questo lustro tante cose sono cambiate. Anche le nostre prospettive. Abbiamo visto purtroppo quanto sia spossante e deprimente e annichilente la nessuna risposta alle nostre domande, alle nostre denuncie da parte delle istituzioni che dovrebbero regolare in Bene e in Diritto le nostre Vite. Abbiamo assistito, in questo breve arco di tempo, con la velocità che ormai contraddistingue il nostro vivere, quanto di sempre antico purtroppo accade. I prepotenti che schiacciano e tentano di annientare i deboli. Storia vecchia. Storia dell’umanità che ha attraversato i secoli. La stessa barbarie adesso con i guanti bianchi, i colletti inamidati e i bottoni per lanciare armi micidiali al posto delle corazze, delle  mazze e spade dei nostri predecessori. Ma la sostanza non è cambiata. Pertanto una vera rivoluzione si può fare impegnandoci a cambiare. Ad essere, ognuno di noi più solidali verso i deboli. Verso tutti quegli esserei viventi, Persone e Animali, che vengono ogni giorno uccisi dall'indifferenza e dall'ipocrisia.

Noi di RadioCivetta crediamo sempre più nella forza delle idee e della cultura. Senza paraocchi. Senza pregiudizi. Ci rendiamo conto della difficoltà della nostra Missione, di essere sopra le parti. O meglio di essere dalla parte dei Giusti.
Il giornalismo è sempre stato, più di quanto possa essere accettabile, al traino di questo o quel potere. Spesso i giornalisti per amore di scoop e soldi con notorietà, tracimano vite umane. Ci camminano sopra con gli scarponi chiodati. Noi cerchiamo di tutelare il rispetto della Dignità, della Libertà, della Giustizia.  Il nostro giornale è no profit. Non riceviamo fondi né facciamo pubblicità a pagamento. Se ci saranno delle proposte ben vengano. Potremmo migliorare il servizio. Ma non sappiamo nemmeno come cercare fondi e pubblicità. Siamo qui. Contattateci. 

Piano piano c’è stato un viraggio dalla mia iniziale linea editoriale. I Popoli dei Paesi del Sud del Mondo, quelli notoriamente poveri e deboli sono sempre da me tenuti in grande considerazione. Prima di essere una giornalista sono un medico. E vengono sempre per quanto possibile denunciati i fatti e misfatti che accadono nel mondo. Per questo tre anni fa ho creato altri due giornali dalla stessa testata J’Accuse… ! uno sempre online iscritto al n. 184/2008 del Registro di Stampa - Tribunale di Roma,  e l’altro in Stampa iscritto al n. 177/2008 del Registro di Stampa - Tribunale di Roma. Un semplice Foglio di quattro facciate impaginato e stampato in proprio a diffusione limitata e gratuita. Sempre no profit. Sempre con i soldi delle mie tasche. Giornali dedicati agli atti d’accusa contro ogni forma di ingiustizia

RadioCivetta ha intrapreso quindi una nuova linea editoriale volta al  Mondo delle Missioni Umanitarie, alla Salute, alla Cultura. Per gli articoli di denuncia sociale ci sarà comunque sempre spazio, perché per questo è nata RadioCivetta. Consapevoli di quanto sia necessario continuare a diffondere le notizie riguardanti le ingiustizie, il non abbassare mai la guardia.

Dal 19 marzo 2009 abbiamo inserito il contatore delle visite su RadioCivetta, contatore attivo pubblicato in basso alla home page, e ad oggi abbiamo avuto quasi 61.000 visitatori. Su J’accuse… ! online il contatore visite è attivo dal settembre 2009 e ad oggi  conta quasi 46.000 visitatori. Non male per giornali nati e cresciuti con la nostra sola voce, mia e di alcuni collaboratori straordinari,  e quella dei commenti dei nostri lettori.

Grazie Roma 25 Ottobre 2011

 CHI ERAVAMO NELL'ANNO 2007
 
  RadioCivetta impegnata nella difesa della Terra di Calabria e dei Calabresi, stanca di questa continua martellante campagna mediatica deliberatamente infamante nei confronti dei paesi del sud conosciuti da un'assordante pubblicità puntata solo sulla 'ndragheta e sugli sventurati piccoli uomini, stanca di vedere riflettori il cui obiettivo non riprende mai dove veramente sta il marcio e cioè nelle collusioni tra colletti bianchi, istituzioni e politica, stanca di sentire che al nord le associazioni si chiamano "cooperative" e i soci "industriali" e al sud invece vengono chiamate "associazioni per delinquere"e gli aderenti "associati di stampo mafioso", per questo ha deciso di pubblicare articoli di noti e meno noti scrittori che amano la Calabria e vorrebbero che riacquistasse la dignità e la libertà di Terra di Dio e non dei demoni. Scrittori che analizzano la situazione calabrese, propongono idee e progetti, denunciano il degrado.
 
RadioCivetta vorrebbe vedere sorgere il sole su questa terra martoriata dagli uomini, vorrebbe che la Calabria ritornasse agli antichi splendori quando Locri e il suo territorio erano centro di civiltà e orgoglio e non umiliati, offesi ed esiliati con il termine sprezzante "la locride".
E intanto, al buio e lontani dalla pubblicità, si consumano indisturbatamente intrighi e malaffari. E chi intriga, poi, dagli alti scranni delle TV e della politica si permette di fare paternali e dare ricette su come reprimere il male unico, la 'ndrangheta. Con spiegamenti di forze militari e repressione con il 41bis, equivalente alla pena di morte. Siamo tornati ai tempi dell'Inquisizione!
 
Impegnamoci a risalire la china e a cercare la verità con ferma e irriducibile volontà.

Roma 21 Gennaio 2007
 


ernesta anno 20001rd150-ph

 

 

 

 

Il Direttore Responsabile Ernesta Adele Marando

 

Proprietario Editore e Direttore Responsabile: Ernesta Adele Marando.
Giornale periodico on line a carattere politico e culturale,  iscritto al n. 177/2008 del Registro di Stampa del 2 maggio 2008 - Tribunale di Roma
Email: marandomedicina@gmail.com, Questo giornale è stato associato all'Unione Stampa Periodica Italiana.

Unione Stampa Periodica Italiana

 

Cerca nel sito

Array