www.parcoculturagrecanica.it - I Rize tis Kultura Greka.

02.04.2016 15:21

(Il video verrà pubblicato all'indirizzo: https://youtu.be/d2WUGZAPC_s)

 

Come da programma annunciato in un precedente articolo a  firma Francesca Martino si è avuta  l’inaugurazione del Parco della Cultura Grecanica e di alcune delle opere  più rappresentative compiute con i finanziamenti messi a disposizione attraverso i Progetti integrati di Sviluppo Locale attuativi del PISR, “Tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio etnoantropologico delle Minoranze Linguistiche della Calabria” del POR Calabria FESR 2017-2013 Linea Intervento 5.2.4.2 – Progetto approvato: “I rize tis kultura greca – Parco della cultura grecanica”.

Sabato 2 aprile 2016 a Bova Marina, alla presenza di numerese autorità politiche è stato inaugurato alle ore 11.30, a Bova Marina, il “Centro servizi teatrali e musicali – Spazio teatrale e studio di registrazione. La giornata è continuata a San Lorenzo con l'inaugurazione della “Chiesa Ditteriale da destinare a Museo delle icone bizantine”, a  Chorio di San Lorenzo, con l'ìnaugurazione dell'Auditorium da destinare a Biblioteca, e Roghudi per l'inaugurazione dellì'Access Point dell’Area Grecanica.

Nella mattinata ha fatto il suo intervento Mario Oliviero, governatore della Calabria; erano presenti il vicepresidente del Consiglio Regionale, D'Agostino, il Consigliere provinciale Pierpaolo Zavettieri, i sindaci di Bova Marina, Vincenzo Crupi anfitrione della cerimonia, Agostino  Zavettieri di Roghudi, Santo Casile di Bova , Bernardo Russo di San Lorenzo.

Le opere si innestano nel più ampio quadro delle iniziative per far ripartire l'area grecanica. Una base dalla quale continuare per dotare quest'Area dei servizi di cui ha bisogno. E quanto afferma con soddisfazione Agostino Zavettieri che al momento dell'elaborazione del progetto ha fortemente creduto in queste  inziative e, praticamente, si è battuto per fare entrare il Comune di Bova Marina in questa progettualità, vincendo la resistenza da demotivazione degli allora commissari governativi.

Ora l'Area non ha commissari e gli attuali sindaci sono ben motivati alla collaborazione vista la necessità di presentarsi all'appuntamento della città metropolitana con risorse importanti e ben definite che si aggiungano ai beni culturali materiali e immateriali già posseduti.

Nel suo intervento il Governatore ha puntualizzato l'impegno della Regione Calabria per utilizzare i fondi europei a partire da quelli passati che sembravano essere perduti; ha tenuto a precisare che si rende necessaria la valorizzazione della minoranza grecocalabra, unitamente alle altre minoranze calabresi, e che tale processo è imprescindibile rispetto al recupero della lingua che viene al primo posto. Ha fatto intravedere una iniziativa progettuale   per coinvolgere, appunto, le scuole. Ha voluto ricordare il compianto Pasquino Crupi, tratteggiandone il carattere, per far sapere che  era stato proprio lui a sollecitarlo a candidadell'Area grecanica per crsi per prendere in mano le sorti di una Calabria in grave difficoltà.Grande importanza  viene data all'access point del parco culturale

 

Cerca nel sito