SS 106 Tavolo istituzionale

17.02.2016 11:54

Melito Porto Salvo, messa in sicurezza e possibili interventi sulla Ss 106


   di Francesca Martino

Nei giorni scorsi si è tenuto il tavolo istituzionale al Palazzo della Provincia di Reggio Calabria sulle possibile strategie di messa in sicurezza e intervento sulla  Statale 106 mettendo in evidenza i possibili piani di lavoro proposti dalle associazioni che mirano a potenziare  il diritto alla sicurezza stradale.

L'incontro è stato condiviso da diversi Sindaci dei Comuni dall'Area Grecanica rimarcando l'impegno e responsabilità  di giungere presto a dei programmi certi, richiamando l'attenzione del Governo, della Regione e dell'Anas. Le Associazioni presenti all'iniziativa, quali: "Basta Vittime Sulla Strada Statale 106", "Amici di Raffaele Caserta" e "ANCADIC"  hanno teso la mano e ringraziato il Presidente della Provincia, Giuseppe Raffa per l'istituzione e la prima convocazione del tavolo tecnico permanente sulla S.S.106 in provincia di Reggio Calabria ed insieme ai Sindaci dei Comuni di Motta San Giovanni,  Marina di Gioiosa, San Lorenzo e Palizzi, Montebello Ionico,  Bova Marina, Stilo e Caulonia  hanno apprezzato la presenza dell'Associazione "Amici del Lupo", del Consigliere regionale, On. Giovanni Nucera e provinciale Pierpaolo Zavettieri.

Il filo conduttore del piano si riconduce all'idea di creare una forza territoriale e sociale di persone che intendono realizzare dati concreti sottolineando la coesione e collaborazione come principio basilare.

"Abbiamo chiesto - informano le associazioni "Basta Vittime Sulla Strada Statale 106", "Amici di Raffaele Caserta" e "ANCADIC" - alle Amministrazioni comunali interessate dalla S.S.106 di procedere alla realizzazione di uno screening in modo tale da rilevare le possibili criticità, anomalie e le difficoltà presenti sulla S.S.106. Noi porteremo avanti un documento contenente una serie di criticità evidenziate ed insieme lavoreremo su una documentazione unitaria e condivisa, che dovrà essere sottoposta all'attenzione dell'Anas Spa, augurando che ci sia una fattiva collaborazione da parte di tutti i Sindaci e delle Amministrazioni dei Comuni interessati, che possa vederci tutti impegnati, per la prima volta nella storia, in un processo concreto, capace di affrontare quelle difficoltà che determinano, nel tratto di S.S.106 un'alta incidentalità e mortalità stradale".



Cerca nel sito