Siderno-Luzzese, uno spareggio di Promozione, ore 1600 a Vibo Valentia, che potrebbe non bastare per l'accesso in Eccellenza

15.05.2016 08:28

Al mitico stadio “Luigi Razza” di Vibo Valentia, che l’anno scorso vide impegnate Roggiano e Reggiomediterraneo. In attesa di conoscere la sorte della Palmese impegnata nei play-out di serie D. Collegati al destino di Castrovillari e Palmese, se non Reggio Calabria e Vibonese, sono anche le sorti delle due vincenti degli spareggi finali dei playoff di Prima Categoria: Olympic Acri-Casabona, al D’Ippolito di Lamezia Terme, diretta da Enrico Gigliotti di Cosenza ed Atletico Maida-Pro Pellaro, a Cittanova, arbitrata da Salvatore Ranieri di Soverato   

SIDERNO-ASD LUZZESE CALCIO 1965, SPAREGGIO PER L’ECCELLENZA,  TUTTO IN UNA PARTITA SECCA, IN CAMPO NEUTRO, 15 MAGGIO 2016

Domenico Salvatore

VIBO VALENTIA- Hooligans e skin-heads del Siderno e della Luzzese, si chiedono: “Chi sarà la sedicesima squadra ai nastri di partenza del prossimo campionato di Eccellenza?”.

Tifosi affetti da strabismo: un occhio rivolto alla partita del ‘Luigi Razza’ e l’altro alla gara della Palmese, impegnata nei play-out di serie D.

Se si potesse un terzo occhio rivolto alla partita del Castrovillari, impegnato nei play-off di Eccellenza, fuori regione.

Qualche altro spiraglio, potrebbe arrivare dal cammino nei playoff Serie D di Vibonese e Reggio Calabria.

Oggi pomeriggio si avrà una prima risposta alla fine del big match Siderno-Luzzese.

Le due squadre, hanno chiuso il campionato di Promozione nei propri gironi al secondo posto.  Dirigerà, Stefania Genoveffa Signorelli di Paola, coadiuvata dagli assistenti Vincenzo Pedone e Cesare Padovano di Reggio Calabria?

Vincere per sperare, ma non potrebbe bastare, per via di meccanismi ferraginosi e per nulla condivisibili, che presto o tardi dovranno trovare una diversa soluzione.

Con l’istituzione di un girone di serie D, interamente calabrese, per esempio. La vittoria è fondamentale ma potrebbe non bastare.  

Vincere e sperare.

Collegati al destino di Castrovillari e Palmese, sono anche le sorti delle due vincenti degli spareggi finali dei playoff di Prima Categoria Olympic Acri-Casabona al D’Ippolito di Lamezia Terme diretta da Enrico Gigliotti di Cosenza ed Atletico Maida-Pro Pellaro a Cittanova e sarà arbitrata da Salvatore Ranieri. Pronostici? Gli esperti, memori della casistica, non ne fanno. Tutto dipende dall’approccio iniziale, dalle condizioni ambientali, dalla preparazione mentale, dalla disponibilità di tutti gli organici, dalla presenza più o meno massiccia di tifosi al seguito. Il match, potrebbe decidersi nei tempi regolamentari o ai supplementari; se non ai rigori. Potrebbe deciderlo: un rigore, una punizione, un calcio d’angolo, una rimessa laterale, una papera del portiere, il tiro della domenica, il vento, la pioggia, il caldo, un arbitro ‘addormentato’ od appesantito, la segnalazione sbagliata di un collaboratore di linea e così via.  

Si giocano tutta una stagione in 90 minuti o giù di lì. Il Siderno spera di muovere almeno mille teen-agers, soupportes, peones, campesinos, aficionados e fans.

Ma la tifoseria della Luzzese è altrettanto ambiziosa e roboante. Calcio champagne, con le bollicine, effervescente e frizzante?

Calcoli, non se ne possono fare, se non per 45 minuti. Mister Pippo Laface (Siderno) ed il suo collega Giovanni Paschetta (Luzzese) non ne fanno.

La coreografia sarà spettacolare: striscioni, bandiere, bandierine, cartelloni, cappellini, tamburi, trombe e trombette, ma anche petardi e fumogeni.

La sorveglianza verrà assicurata dalle telecamere, ma soprattutto dalle forze dell’ordine in assetto anti-sommossa, armati soprattutto di manganelli e sfollagente.

Polizia, Carabinieri, Vigili urbani. Occhio al DASPO.  Perda il migliore; vinca il peggiore; perda il peggiore; vinca il migliore…Domenico Salvatore

Cerca nel sito