Reggio Calabria nella top ten italiana degli Open Data. L’Assessore Quattrone: «Risultato ottenuto a costo zero». Il Sindaco Falcomatà: «Amministrazione aperta e trasparente»

10.05.2016 15:08

«Reggio Calabria nella top ten degli Open Data. Nel 2014 la nostra città si trovava nelle ultime posizioni delle classifiche nazionali in materia di Open Data. Oggi Reggio scala la Classifica dell’Indice  

Open Data Census Italia (http://it-city.census.okfn.org/). Si attesta infatti fra le prime dieci, classificandosi nona fra tutte (prima di Firenze, Torino e Milano) e terza fra le città del Sud (dopo Lecce e Matera). A dare l’annuncio dell’importante piazzamento reggino nella classifica annuale della sezione italiana di Open Data Census è l’Assessore all’Urbanistica e Smart City del Comune di Reggio Calabria Agata Quattrone. «Gli Open Data - ha spiegato l’Assessore - sono dati rilevanti per la vita quotidiana in formato aperto, consultabili e utilizzabili da tutti per realizzare analisi, ricerche, studi e statistiche; per creare nuovi servizi smart (ad esempio App di pubblica utilità) e supportare la pianificazione strategica del territorio. Fino al 2014, nonostante gli indirizzi strategici e normativi del Governo di promuovere l'apertura dei dati, aveva reso pubblici solo 8 archivi dati (dataset) sul sito istituzionale del Comune. Stando ai dati comunicati nell'annualità 2016, la nostra Città risulta addirittura seconda nella speciale classifica stilata da Open Data Census, superata solo da Lecce». 

 

CITTÀ DI REGGIO CALABRIA

COMUNICATO STAMPA

Cerca nel sito