Reggio Calabria. ARRESTI, SEQUESTRI PREVENTIVI, DEFERIMENTI

21.04.2016 12:46

20 aprile 2016, in Reggio Calabria, i Carabinieri hanno tratto in arresto ALATI Adorno Cristoforo, di anni 36 da Reggio Calabria, già noto alle FF.OO., per i reati di associazione per delinquere finalizzata allea commissione di rapine presso istituti bancari e attività commerciali e violazione di norme in materia di armi, in esecuzione all’ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, emesso dalla locale Procura Generale della Repubblica. Prefato dovrà scontare una pena complessiva residua di anni 2, mesi 10 e 22 per i fatti commessi in questo centro abitato tra il 2010 e il 2011.

 

 

20 aprile 2016, in Bagnara Calabra (RC), i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà A.R., di anni 26 da Gioia Tauro, già noto alle FF.OO., per i reati di falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri e possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, poiché, controllato dai militari operanti lungo una via cittadina nei pressi della stazione f.s., forniva false generalità e veniva altresì trovato in possesso, senza giustificato motivo, di una tenaglia.

 

 

il 20 aprile 2016, i Carabinieri del Nucleo Antifrode, a conclusione dell’attività investigativa sugli illeciti percepimenti di erogazioni comunitarie, in esecuzione all’ordine emesso dal G.I.P. del tribunale di Palmi, hanno sottoposto a sequestro preventivo conti correnti, depositi, titoli, beni immobili siti in Polistena e Cinquefrondi (RC) per un valore complessivo di circa € 265.000 nonché n. 12 titoli ag.e.a del valore di circa € 23.000, in capo agli indagati C.L., di anni 77 da Polistena, e P.R., di anni 54 da Cinquefrondi, responsabili, in concorso tra loro, di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, poiché responsabili di aver presentato nel quadriennio 1999/2002, ad ag.e.a. (agenzia per le erogazioni in agricoltura), domande uniche di pagamento su superfici in realtà condotte da altra persona ed abbinando tali terreni a titoli ag.e.a ottenuti fraudolentemente attraverso una fittizia ed inesistente produzione di olio dichiarata nel periodo di riferimento.

Nota stampa Com. Prov-. VCarabinieri                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                

Cerca nel sito

Array