PATTO PER LO SVILUPPO DELLA REGIONE CALABRIA Attuazione degli interventi prioritari e individuazione delle aree di intervento strategiche per il territorio

30.04.2016 21:57

CALABRIA, SI CAMBIA DISCO, CODICE E REGISTRO? SI FARA' LA PEDEMONTANA GRECANICA?   

PREMESSO
 che il Mezzogiorno rappresenta un grande potenziale per il rilancio dell’economia e per la crescita del Paese e che il perseguimento di un ritmo sostenuto di sviluppo richiede azioni mirate a ridurre il divario tra il Meridione e le Regioni del Centro Nord;
 che un processo di rilancio economico, produttivo e occupazionale del territorio richiede strumenti adeguati che impegnino le istituzioni a livello locale, regionale e nazionale, in un quadro programmatico condiviso;
 che la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Calabriacondividono la volontà di attuare una strategia di azioni sinergiche e integrate, miranti alla realizzazione degli interventi necessari per la infrastrutturazione del territorio, la realizzazione di nuovi investimenti industriali la riqualificazione e la reindustrializzazione delle aree industriali,e ogni azione funzionale allo sviluppo economico, produttivo e occupazionale del territorio regionale;
 che l’articolo 2, comma 203, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, prevede che “gli interventi che coinvolgono una molteplicità di soggetti pubblici e privati e implicano decisioni istituzionali e risorse finanziarie a carico delle amministrazioni statali, regionali, locali e possono essere regolati sulla base di accordi”;
 che, nell’ambito degli accordi citati all’articolo 2, comma 203, della legge n. 662 del 23 dicembre 1996, si evidenzia che gli stessi possono contenere indicazioni in merito a:
a) le attività e gli interventi da realizzare;
b) i tempi e le modalità di attuazione;
c) i termini per gli adempimenti procedimentali;
d) le risorse finanziarie occorrenti per la progettazione, realizzazione e/o il completamento degli interventi;
e) le procedure ed i soggetti responsabili per il monitoraggio e la verifica dei risultati;
 che il D. Lgs. n. 88 del 31 maggio 2011 e successive modifiche e integrazioni, definisce le modalità per l’individuazione e la realizzazione degli interventi, la destinazione e l’utilizzazione delle risorse aggiuntive, al fine di promuovere lo sviluppo economico e la coesione territoriale, rimuovendo gli squilibri socio-economici e amministrativi nel Paese;
 che il decreto-legge n. 69/2013, convertito con modificazioni dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, all’art. 9-bis, definisce l’ambito di applicazione delle misure di attuazione rafforzata degli interventi per lo sviluppo e la coesione territoriali;
 che il Regolamento UE n. 1303/2013, nell’ambito delle politiche di coesione 2014–2020, stabilisce le norme comuni applicabili ai Fondi strutturali e di investimento europei (SIE), compreso il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR);
 che il Regolamento UE n. 1301/2013, indicando le priorità di investimento a favore della crescita e dell’occupazione, identifica sia gli ambiti di applicazione dei fondi FESR sia le concentrazioni tematiche;
 che l’articolo 1, comma 703 della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015), ha definito le nuove procedure di programmazione delle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020;
 che l’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, ed in particolare il comma 6 prevede che il complesso delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo di programmazione 2014-2020 sia destinato a sostenere esclusivamente interventi per lo sviluppo, anche di natura ambientale;
 che la Commissione Europea ha adottato, in data 29 ottobre 2014, l’Accordo di Partenariato con l’Italia per l'impiego dei fondi strutturali e di investimento europei per la crescita e l’occupazione nel periodo 2014-2020;
 che, in relazione al periodo di programmazione 2014-2020, si intendono assegnare risorse pari ad un importo di 1.198,7 milioni di euro del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione per l’attuazione degli interventi compresi nel presente Patto per la Regione Calabria, quale quota parte del totale delle risorse destinate alla Regione Calabria, nell’ambito del Fondo Sviluppo e Coesione destinato alle Regioni del Mezzogiorno;
 che, in relazione alle quote dei PON 2014-2020 e di altre fonti nazionali richieste dalla Regione Calabria per il cofinanziamento di interventi nell’ambito del presente Patto, si rimanda per la definizione delle stesse a successivi incontri bilaterali tra la Regione Calabria e le amministrazioni competenti.
TENUTO CONTO
 che il Consiglio Regionale della Calabria, nella seduta del 22 dicembre 2015, ha discusso, ai fini della definizione del Patto per lo Sviluppo della Regione Calabria, le linee di fondo e gli interventi prioritari finalizzati allo sviluppo della mobilità regionale;alla sostenibilità ambientale, allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale;alla valorizzazione turistica e culturale del patrimonio regionale; al rafforzamento del sistema universitario e scolastico; alla sicurezza e alla diffusione della cultura della legalità;
 che gli obiettivi primari degli assi di intervento individuati mirano a recuperare il divario sociale e produttivo, dare un forte impulso alla valorizzazione delle eccellenze calabresi nei settori dell’agroalimentare, potenziare l’offerta turistica e culturale del territorio, promuovere lo sviluppo della PMI, intervenire nel settore delle infrastrutture e per la messa insicurezza del territorio, diffondere la cultura e l’accoglienza;
 che, per quanto riguarda la realizzazione degli interventi in materia di governo e gestione della risorsa idrica, deve essere data massima priorità a quegli interventi che risolvono procedure di infrazione alle direttive comunitarie sulle quali siano già state emesse sentenze di condanna o siano in corso procedure di pre-contenzioso (EU PILOT), tenendo altresì conto degli obiettivi di qualità previsti dalla direttiva 2000/60/CE e perseguendo, laddove possibile, l’integrazione tra finalità di tutela della risorsa e degli ecosistemi acquatici ex direttiva 2000/60/CE e finalità di mitigazione del rischio idrogeologico ai sensi della direttiva 2007/60/CE;
 che gli interventi contro il rischio di dissesto idrogeologico da finanziare con risorse pubbliche devono essere coerenti con le mappe della pericolosità e rischio e con gli obiettivi e le priorità correlate individuati nei Piani di gestione del rischio di alluvioni, ai sensi della direttiva 2007/60/CE, approvati dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nei Comitati Istituzionali Integrati delle Autorità di Bacino, ai sensi dell’art. 4 comma 3 del D. Lgs. N. 219/2010 e per quanto riguarda la pericolosità da alluvione fluviale e costiera e nelle pianificazioni di assetto idrogeologico (PAI) per quanto attiene alla pericolosità geomorfologica, in applicazione dei criteri di ammissibilità e di selezione individuati nel DPCM 28 maggio 2015;
 che le principali Linee di Sviluppo e relative aree di intervento,concordate tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Calabria, sono le seguenti:
 
1. Infrastrutture nodali
Gli interventi che rientrano in questo settore sono quelli relativi allo studio di fattibilità per la velocizzazione della Linea ferroviaria Salerno – Reggio Calabria, il potenziamento infrastrutturale del porto internazionale di Gioia Tauro, il piano per il sistema portuale nazionale e regionale e la promozione del sistema aeroportuale. Gli interventi relativi alle infrastrutture lineari ed alla logistica, compresi nei contratti di programma nazionali, a partire da quelli della rete europea (A3, E90 e grandi trasversali) e quelli su linee ferrate aventi un ruolo importante per l’area jonica, sono oggetto di un confronto con le Amministrazioni nazionali competenti, ormai in fase avanzata, per un’intesa integrativa del presente Patto.
2. Ambiente e messa in sicurezza del territorio (Programma Calabria Sicura)
Il programma Calabria Sicura investe tutte le problematiche relative al rischio idrogeologico, la protezione costiera, la bonifica e messa a norma delle discariche e dei siti inquinati, il potenziamento degli impianti di depurazione a partire da quelli oggetto di procedura d’infrazione, il completamento del piano regionale dei rifiuti, la ridefinizione del programma per completare gli schemi idrici regionali, il potenziamento e monitoraggio delle reti idriche, il miglioramento antisismico degli edifici strategici e scolatici.
3. Sviluppo economico e produttivo
Gli interventi in questo settore vanno collocati nell’ambito di una strategia complessiva definita con altri strumenti di programmazione, a partire dal POR e dal PSR 2014-2020, che affronta tutti i temi dell’innovazione, delle politiche di sostegno alle imprese e della creazione di nuovi posti di lavoro in particolare per le nuove generazioni. Tra gli interventi evidenziati e rafforzati sono compresi: la realizzazione della banda ultra larga e dell’agenda digitale; il sostegno al settore agroalimentare ed agroindustriale, il credito d’imposta e l’imprenditoria giovanile e femminile.
4. Turismo, Cultura e Sport
Gli interventi in questo ambito vanno ad integrare quanto previsto dal Programma Operativo Regionale (POR) e dal PON Cultura e sono finalizzati a trasformare i poli culturali in attrattori turistici, promuovendo un’integrazione dei settori turismo e cultura in un organico ed unitario progetto regionale. Le risorse per il settore dello sport costituiscono un moltiplicatore di spesa nell’ambito di un protocollo con il Credito sportivo.
5. Scuola, Università e lavoro
Gli interventi per la scuola sono finalizzati al rafforzamento del sistema scolastico regionale con una duplice articolazione da integrare con gli interventi di miglioramento sismico: iniziative per l’organizzazione funzionale del sistema; interventi per l’università finalizzati ad elevare i processi di alta formazione e di nuova occupazione.
6. Edilizia ed innovazione sanitaria
Gli interventi, in coerenza con la riorganizzazione della rete ospedaliera della Calabria, sono finalizzati, a partire dagli Ospedali Hub, all’ammodernamento delle strutture ed all’innovazione delle tecnologie sanitarie.
7. Sicurezza e legalità
Le azioni previste sono finalizzate a rafforzare i “contratti locali di legalità e sicurezza” aventi lo scopo di aumentare il livello di sicurezza per i cittadini e le imprese e, contemporaneamente di sostenere politiche di inclusione sociale per gli immigrati.
 che il CIPE, con deliberazione n. 10 del 28 gennaio 2015, ha approvato la definizione dei criteri di cofinanziamento pubblico nazionale dei programmi europei per il periodo di programmazione 2014-2020 e il relativo monitoraggio, nonché i criteri per la programmazione degli interventi complementari di cui all’articolo 1, comma 242 della legge n. 147/2013, previsti nell’Accordo di partenariato 2014-2020;
 che, ai sensi del comma 703 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015), sarà presentata relativa proposta al Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) per l’assegnazione degli importi, a valere sulle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione afferenti alla programmazione 2014-2020, destinati alla realizzazione degli interventi compresi nel Patto;
 chela Regione Calabriaha già definitoi seguenti strumenti di programmazione:
Programma
Atto di approvazione
Risorse (€)
1
Delibera CIPE 21/2014
Rimodulazione DGR 222/21 luglio 2015-all. A
184.520.275,34
2
Delibera CIPE 89/2012
Rimodulazione DGR 222/21 luglio 2015-all. B
187.740.162,55
3
FONDI PAC 2014/2020
Rimodulazione DGR 41/24 febbraio 2016
832.634.894,00
4
PO CALABRIA FESR FSE 2014-2020
Approvazione CE n. 7277/20 ottobre 2015
2.378.956.842,00
5
PSR 2014-2020
Deliberazione del Consiglio Regionale n. 99/23 febbraio 2016
1.103.562.000,00
 che la Regione Calabria, ai sensi delle delibere CIPE 52/98, 53/98 e 65/2002, dispone di un finanziamento ex art. 20 della legge67/88 (edilizia sanitaria) per il quale è in corso la definizione delle procedure di spesa:
Programma
Atto di approvazione
Risorse (€)
6
Edilizia sanitaria
Fondi ex art. 20 legge 67/88
268.519.302,00
 che il D.Lgs.n. 267/2000 (Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali) disciplina, tra l’altro, i compiti delle regioni nel organizzare l’esercizio delle funzioni amministrative a livello locale, in particolare prevedendo strumenti e procedure di raccordo e concertazione, con le autonomie locali, al fine di realizzare un sistema efficiente al servizio dello sviluppo economico, sociale e civile.
 che il Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di cui all’articolo 10, comma 2, del decreto-legge 31agosto 2013, n. 101, convertito dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, cura il raccordo con le amministrazioni statali e regionali competenti, anche ai fini dell’adozione degli atti di indirizzo e di programmazione relativi all’impiego dei Fondi strutturali dell’Unione europea nonché del Fondo per lo sviluppo e la coesione;
 che l’Agenzia per la coesione territoriale, di cui all’art. 10, comma 1, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, al fine di assicurare il rafforzamento dell’azione di programmazione, coordinamento, sorveglianza e sostegno della politica di coesione, tra l’altro:
o opera, in raccordo con le amministrazioni competenti,il monitoraggio sistematico e continuo dei programmi operativi e degli interventi della politica di coesione;
o può assumere le funzioni dirette di Autorità di Gestione;
o vigila, nel rispetto delle competenze delle singole amministrazioni pubbliche, sull’attuazione dei programmi;
o dà esecuzione alle determinazioni adottate ai sensi degli articoli 3 e 6 del D. Lgs. n. 88/2011.
 che l’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. (di seguito Invitalia), al fine di accelerare l’attuazione degli investimenti di rilevanza strategica per la coesione territoriale e la crescita economica, nonché razionalizzare e rendere più efficienti le relative procedure di spesa può svolgere attività economiche, finanziarie e tecniche a supporto delle Amministrazioni interessate alla realizzazione di interventi finanziati con risorse nazionali e comunitarie e svolgere le funzioni di Centrale di Committenza ai sensi dell’articolo 55-bis, comma 2-bis, decreto-legge n. 1/2012, convertito con modificazione dalla legge n. 27/2012 e dell’articolo 38, comma 2, D.Lgs. 50/2016 “Codice dei Contratti Pubblici”, nonché le funzioni di soggetto attuatore degli interventi previsti nei Contratti Istituzionali di Sviluppo, ai sensi dell’articolo 6, comma 2, D.Lgs. n. 88/2011.
 che la Regione Calabria, per l’attuazione degli interventi inseriti nel presente Patto, può avvalersi dei propri Enti e Società in house,nel rispetto di quanto previsto dalla normativa europea e nazionale in materia.
CONSIDERATO
 che la Presidenza del Consiglio dei Ministri intende attivare,d’intesa con la Regione Calabriaun processodi pianificazione strategica con l’obiettivo di:
1. assicurare la realizzazione degli interventi strategici e qualificanti per il territorio, monitorando edaccelerando l’attuazione degli interventi già in corso;
2. avviare gliinterventi strategici già compresi nella piattaforma progettuale territoriale, anche attraverso lo snellimento dei processi tecnici ed amministrativi;
3. assicurare la progettazione di nuovi interventi considerati strategici per la specifica area territoriale;
 che la Presidenza del Consiglio dei Ministri/Dipartimento per le Politiche di Coesione, al fine di accelerare la realizzazione degli interventi infrastrutturali materialie immateriali, assicurare la qualità di spesa, garantireil necessario coinvolgimento di tutti i soggetti implicati nel processo di pianificazione strategica, intende promuovere le misure di attuazione rafforzata degli interventi avvalendosi dell’Agenzia della Coesione Territoriale per il monitoraggio sistematicoe continuo degli interventi e di Invitalia quale soggetto attuatore, salvo quanto demandatoall’attuazione da parte dei concessionari di servizi pubblici, ai sensi della normativa vigente.
RITENUTO
 opportuno procedere alla stipula di un Patto per la Regione Calabria, in ragione della dimensione e complessità degli interventi per lo sviluppo socio-economico della regione, al fine di dare un rapido avvio e garantire l’attuazione degli interventi considerati strategici, nonché di facilitare la nuova programmazione nazionale e comunitaria 2014-2020;
 che con la stipula del presente Patto per la Regione Calabria, le Parti intendono fornire una risposta flessibile ed integrata alle diverse esigenze territoriali, promuovendo a tal fine, un più efficace coordinamento tra i diversi strumenti di programmazione e di pianificazione e tra le diverse fonti finanziarie disponibili, nonché tra i diversi soggetti istituzionali interessati;
tutto ciò premesso
Il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Presidente della Regione Calabria, di seguito le Parti, stipulano il presente Patto: Articolo 1 (Recepimento delle premesse)
1. Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente Patto e costituiscono i presupposti su cui si fonda il consenso delle Parti.
Articolo 2 (Oggetto e finalità)
1. Con il presente Patto, le Partisi impegnano ad avviare e sostenereun percorso unitario di intervento sul territorio della Regione Calabria, finalizzato allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale dell’area, nonché alla sostenibilità ambientale ed alla sicurezza del territorio;
2. A tale fine, le Parti, tenuto conto delle linee di sviluppo e delle aree di intervento,condivise tra la Regione Calabria ed il Governo, hanno identificatogli interventi prioritarie gli obiettivi da conseguire entro il 2017 indicati nell’Allegato A, che forma parte integrante del presente Patto, per la cui attuazione è ritenuta necessaria un’azione coordinata,con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati.
Articolo 3 (Risorse finanziarie)
1. Le Parti si impegnano a dare attuazione ai contenuti del Patto mediante la messa a sistema delle risorse disponibili ordinarie ed aggiuntive, nazionali ed europee, nonché ricorrendo ad altri strumenti finanziari quali fondi rotativi, project financing, ecc.;
2. L’importo complessivo degli interventi, che costituiscono gli impegni del presente Patto, e le risorse finanziarie previste per la loro attuazione sono indicati in dettaglio nell’Allegato A al Patto e sono sinteticamente descritte, per macro-categorie, nella seguente tabella, suddivise per aree di intervento:
Area di intervento Costo totale interventi (€) Risorse già assegnate (1) (€) Risorse FSC 2014-2020 (€) Altre risorse disponibili (2) (€) Risorse finanziarie FSC al 2017 (€)
Infrastrutture nodali 642.743.399 163.343.399 104.400.000 375.000.000 32.000.000
Ambiente e messa in sicurezza del territorio 1.661.558.705 566.486.123 769.329.610 325.742.972 119.400.000
Sviluppo economico e produttivo 665.314.833 385.314.833 60.000.000 220.000.000 10.000.000
Turismo, Cultura e Sport 294.873.969 179.873.000 75.000.000 38.000.000 19.000.000
Scuola, Università e Lavoro 912.639.753 292.246.174 122.993.579 497.400.000 30.000.000
Edilizia sanitaria 662.652.253 602.652.253 60.000.000 0 8.000.000
Sicurezza e Legalità 95.776.811 30.900.000 6.976.811 57.900.000 2.000.000
Totale costi e risorse 4.933.558.754 2.220.815.782 1.198.700.000 1.514.042.972 220.400.000
(1) Risorse già assegnate: con precedenti programmazioni: quota parte di POR, PAC, APQ,Ordinanze di Protezione Civile, Legge 67/88,PON Cultura; (2) Altre risorse disponibili: Programmi Operativi Nazionali ed altre fonti nazionali.
3. Le risorse finanziarie a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione,riferite al periodo di programmazione 2014-2020, verranno assegnateda parte del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE), ai sensi del comma 703 dell’art. 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015).
4. Con delibera CIPE verranno indicati i criteri ed i meccanismi per il trasferimento delle risorse FSC 2014-2020 e per la revoca totale o parziale delle stesse risorse di cui al presente Patto.
5. Per quanto concerne gli interventi relativi al settore strategico “Ambiente”, le Parti si impegnano affinché:
i) negli ambiti o bacini territoriali ottimali in cui si debba ancora ottemperare agli adeguamenti di cui all’art. 172 commi 1, 2 e 3 del D. Lgs. 152/2006, come sostituito dall’art. 7 comma 1 della legge 164/2014 (cd. Sblocca Italia), venga accelerato l’avvio delle procedure di affidamento ai sensi del comma 4 del medesimo art. 172, tenendo conto che risulta ormai scaduto il termine perentorio da ultimo fissato alla data del 30 settembre 2015 per l’adozione dei relativi provvedimenti. Tali affidamenti saranno disposti in conformitàcon normativa vigente dall'Ente idrico in corso di costituzione ai sensi della nuova legge di riordino del servizio di cui si è dotata la Regione Calabria (legge 2 dicembre 2015, n. 15 );
ii) i progetti per interventi di contrasto al dissesto idrogeologico, come risultanti dal sistema telematico Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo–ReNDIS e validati dalla Regione, conformemente a quanto previsto dalla legislazione vigente, siano ammessi a finanziamento utilizzando i criteri di scelta e di attribuzione delle risorse che, ai sensi dell’art. 10, comma 11, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, sono stati approvati con DPCM 28 maggio 2015 recante "Individuazione dei criteri e delle modalità per stabilire le priorità di attribuzione delle risorse agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico".
Articolo 4 (Modalità attuative)
1. In considerazione della strategicità e complessità degli interventi, nonché per accelerarne la realizzazione, le Parti, nel rispetto della pertinente normativa europea e nazionale, possono individuare Invitalia quale soggetto responsabile per l’attuazione degli interventi. Al fine di garantire la tempestiva attuazione degli interventi previsti dal presente Patto, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di concerto con la Regione Calabria, ove necessario e nel rispetto delle disposizioni comunitarie e nazionali, adotta le opportune misure di accelerazione ai sensi di quanto previsto dall’articolo 10, comma 2, lettere f-bis ed f-ter, decreto-legge n. 101/2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 125/2013.
2. Gli interventi saranno finanziati con risorse nazionali, dell’Unione Europea nonché mediante il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. A tal fine, le Parti si impegnano a dare attuazione aicontenuti del Patto mediante la messa a sistema, come indicato nell’Allegato A, delle risorse disponibili FSC 2007-2013 ed FSC 2014-2020, dei Fondi strutturali dell’Unione europea e delle risorse di cofinanziamento nazionale, delle risorse ordinarie nonché ricorrendo ad altri strumenti finanziari quali fondi rotativi, project financing; ecc., tenendo conto, oltre di quanto previsto e programmato nell’ambito del Programma Operativo 2014-2020 della Regione Calabria (POR), anche dei Programmi Operativi nazionali (PON) rilevanti per gli ambiti di intervento oggetto del presente Patto;
3. La Regione Calabriaper l’attuazione degli interventi inseriti nel presente Patto, può avvalersi dei propri Enti e Società inhouse, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa europea e nazionale in materia.
4. L’Agenzia per la coesione territoriale è responsabile del coordinamento e della vigilanza sull’attuazione del Patto e svolge, altresì, l’azione di monitoraggio e valutazione degli obiettivi raggiunti.
Articolo 5 (Referenti del Patto – Comitato di indirizzo e controllo per la gestione del Patto)
1. I referenti del presente Patto sono l’Autorità Politica per la Coesione e il Presidente della Regione Calabria.
2. L’Autorità Politica per la Coesione e la Regione Calabria si avvalgono di un Comitato di indirizzo e controllo per la gestione del Patto” (di seguito Comitato), senza oneri a carico del Patto medesimo, che risulta così costituito:
i. un rappresentante del Dipartimento per le Politiche di Coesione;
ii. un rappresentante del Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della Politica Economica;
iii. un rappresentante dell’Agenzia per la Coesione Territoriale;
iv. un rappresentante della Regione Calabria.
3. Il Comitato è presieduto dal rappresentante dell’Agenzia per la Coesione Territoriale.
4. Le Amministrazioni centrali e la Regione Calabria, coinvolte nella realizzazione degli interventi, pongono l’attuazione del Patto tra gli obiettivi annuali dei dirigenti interessati e ne danno informativa ai Referenti del Patto, trasmettendo le direttive annuali.
5. L’Agenzia per la Coesione Territoriale e la Regione Calabria nella prima riunione del Comitato indicano i propri rispettivi Responsabili Unici dell’attuazione del Patto i quali sovraintendono all’attuazione degli interventi previsti e riferiscono al Comitato e ai Referenti del Patto.
Articolo 6 (Impegni delle Parti)
1. Le Parti si impegnano, nello svolgimento dell’attività di propria competenza, a dare attuazione alle linee di azione descritte nel presente Patto; in particolare:
a) L’Autorità per la Politica di Coesione, avvalendosi dei competenti dipartimenti, si impegna ad assicurare forme di immediata collaborazione e di stretto coordinamento, anche con il ricorso agli strumenti di semplificazione dell’attività amministrativa e di snellimento dei procedimenti di decisione e di controllo. Si impegna, inoltre, a promuovere ogni utile iniziativa affinché le risorse finanziarie necessarie a sostenere l’attuazione di quanto previsto dal presente Patto siano effettivamente disponibili, per un’efficace attuazione degli interventi. A tal fine, su eventuale richiesta della Regione Calabria, l’Autorità per la politica della coesione si impegna a rendere disponibile il supporto tecnico operativo di Invitalia, anche in qualità di centrale di committenza e per l’avvio dei nuovi progetti, ai sensi di quanto previsto dall’articolo 55-bis, decreto-legge n. 1/2012 e dell’articolo 38, comma 2, D.Lgs. n. 50/2016.
b) Il Presidente della Regione Calabria, per quanto di competenza, si impegna ad assicurare il pieno conseguimento degli obiettivi del presente Patto, inclusi quelli di spesa indicati nell’Allegato A, subordinati alla effettiva disponibilità delle risorse finanziarie nazionali, avvalendosi dell’azione degli Uffici della Programmazione Unitaria presso il Gabinetto della Giunta della Regione Calabria, orientando l’attività amministrativa alla più efficace attuazione di quanto previsto agli articoli 2 e 3.
2. Le Parti concordano sulla necessità di avviare, sulla base di quanto proposto con provvedimento del Consiglio Regionale della Calabria del 25 settembre 2015, un percorso finalizzato a sottoporre alla Commissione Europea la proposta di realizzazione di Zone Economiche Speciali (ZES), comprendenti anche l’area Portuale e Retroportuale di Gioia Tauro, al fine di favorire la crescita economica di un’area identificata come tra le più idonee al rilancio degli investimenti esteri nel Paese.
3. Le Parti concordano che la velocizzazione (alta velocità) della linea ferroviaria Salerno-Reggio Calabria, l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e l’adeguamento della Strada Statale 106 Jonica (E 90) rappresentano una priorità sia in ambito nazionale che per il territorio regionale. Al fine di verificare la sostenibilità tecnico-economica degli interventi relativi all’alta velocità, la Presidenza del Consiglio dei Ministri si impegna ad una azione in stretto coordinamento con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e della Regione Calabria affinché sia realizzato uno studio di fattibilità relativo alle opere citate, propedeutico all’inserimento degli interventi nei rispettivi contratti di programma di Rete Ferroviaria Italiana. In relazione all’Autostrada A3 SA-RC, alla Strada Statale 106 (E90), alla rete ferroviaria le Parti concordano di procedere ad una integrazione degli interventi da prevedere nei rispettivi contratti di programma di ANAS ed RFI.
4. Il Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, qualora si rendesse necessario riprogrammare in tutto o in parte le risorse di cui al presente Patto, interviene nell’istruttoria degli obiettivi e delle scelte di intervento, verificandone la coerenza con gli indirizzi definiti nei documenti di programmazione nazionali e comunitari.
5. Le Parti si impegnano a verificare periodicamente, almeno ogni 6 mesi, a partire dalla data di assegnazione delle risorse, lo stato di attuazione del presente Patto ed eventuali necessità di rimodulazione degli interventi indicati nell’Allegato A, a parità di spesa ammissibile a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione.
Articolo 7 (Sorveglianza, trasferimento risorse, valutazione)
1. I soggetti attuatori degli interventi compresi nel Patto presentanoai Responsabili Unici, di cui al comma 6 dell’art. 5, e aggiornano periodicamente, una scheda per ciascun intervento contenente i passaggi procedurali e l’avanzamento della spesa.
2. La sorveglianza del rispetto del cronoprogramma e la rispondenza delle opere realizzate a quanto indicato negli impegni sottoscritti dalle Parti è assicurata dal monitoraggio degli interventi da parte dei Responsabili Unici, anche tramite verifiche in loco.
3. La Regione è responsabile del corretto e tempestivo inserimento dei dati di monitoraggio.
4. I Responsabili Unici, con il supporto delle competenti strutture dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, assicurano a cadenza almeno bimestrale il regolare monitoraggio degli interventi utilizzando il sistema di monitoraggio unitario istituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. Le informazioni così acquisite sono rese disponibili alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche (BDAP).
5. I dati, le informazioni e i documenti acquisiti nel sistema di monitoraggio sono accessibili e condivisi tra tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione, gestione e controllo degli interventi.
6. Il Comitato sovraintende all’attività di verifica e, all’esito delle verifiche, assegna un congruo termine per l’attuazione delle eventuali azioni correttive.
7. Qualora l’esito delle verifiche portasse ad accertare che il mancato rispetto degli obiettivi procedurali e di spesa si discosta per più del 25 % rispetto alle previsioni, sono definanziati gli
interventi in fase di progettazione che presentano un ritardo. Per gli interventi in fase di realizzazione la sanzione è rappresentata dall’ammontare delle risorse in economia, comunque per un importo non inferiore al 10 % del valore dell’intervento.
8. Il trasferimento delle risorse del Fondo Sviluppo Coesione è vincolato al rispetto del completo inserimento dei dati dei singoli interventi nel sistema di monitoraggio unitario, incluso il cronoprogramma di ogni intervento. Il mancato inserimento e/o aggiornamento dei dati di monitoraggio comporta la sospensione del trasferimento delle relative risorse.
9. Nei dodici mesi successivi alla realizzazione di ciascun intervento, la Regione presenta al Comitato un rapporto di valutazione sull'efficacia dell'intervento realizzato.
Articolo 8 (Informazione e pubblicità)
1. Le informazioni riferite agli obiettivi, alla realizzazione ed ai risultati del presente Patto saranno pubblicizzate sulla base un piano di comunicazione predisposto dall’Agenzia per la Coesione Territoriale.
2. Al fine di garantire la massima trasparenza e la migliore comunicazione ai cittadini sullo stato di avanzamento dei lavori, il Presidente della Regione si impegna a:
a) individuare e comunicare al Comitato un referente per gli aspetti collegati all’attività di comunicazione;
b) fornire tutti i dati richiesti dal Comitato al fine di consentire la comunicazione di informazioni ai cittadini attraverso sistemi “open-data”.
Articolo 9 (Disposizioni finali)
1. Eventuali modifiche al presente Patto sono concordate tra le Parti e formalizzate mediante atto scritto.
Reggio Calabria,30 aprile 2016 Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente della Regione Calabria _________________________________ _______________________________PATTO PER LO SVILUPPO DELLA REGIONE CALABRIA Attuazione degli interventi prioritari e individuazione delle aree di intervento strategiche per il territorio
2
PREMESSO
 che il Mezzogiorno rappresenta un grande potenziale per il rilancio dell’economia e per la crescita del Paese e che il perseguimento di un ritmo sostenuto di sviluppo richiede azioni mirate a ridurre il divario tra il Meridione e le Regioni del Centro Nord;
 che un processo di rilancio economico, produttivo e occupazionale del territorio richiede strumenti adeguati che impegnino le istituzioni a livello locale, regionale e nazionale, in un quadro programmatico condiviso;
 che la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Calabriacondividono la volontà di attuare una strategia di azioni sinergiche e integrate, miranti alla realizzazione degli interventi necessari per la infrastrutturazione del territorio, la realizzazione di nuovi investimenti industriali la riqualificazione e la reindustrializzazione delle aree industriali,e ogni azione funzionale allo sviluppo economico, produttivo e occupazionale del territorio regionale;
 che l’articolo 2, comma 203, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, prevede che “gli interventi che coinvolgono una molteplicità di soggetti pubblici e privati e implicano decisioni istituzionali e risorse finanziarie a carico delle amministrazioni statali, regionali, locali e possono essere regolati sulla base di accordi”;
 che, nell’ambito degli accordi citati all’articolo 2, comma 203, della legge n. 662 del 23 dicembre 1996, si evidenzia che gli stessi possono contenere indicazioni in merito a:
a) le attività e gli interventi da realizzare;
b) i tempi e le modalità di attuazione;
c) i termini per gli adempimenti procedimentali;
d) le risorse finanziarie occorrenti per la progettazione, realizzazione e/o il completamento degli interventi;
e) le procedure ed i soggetti responsabili per il monitoraggio e la verifica dei risultati;
 che il D. Lgs. n. 88 del 31 maggio 2011 e successive modifiche e integrazioni, definisce le modalità per l’individuazione e la realizzazione degli interventi, la destinazione e l’utilizzazione delle risorse aggiuntive, al fine di promuovere lo sviluppo economico e la coesione territoriale, rimuovendo gli squilibri socio-economici e amministrativi nel Paese;
 che il decreto-legge n. 69/2013, convertito con modificazioni dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, all’art. 9-bis, definisce l’ambito di applicazione delle misure di attuazione rafforzata degli interventi per lo sviluppo e la coesione territoriali;
 che il Regolamento UE n. 1303/2013, nell’ambito delle politiche di coesione 2014–2020, stabilisce le norme comuni applicabili ai Fondi strutturali e di investimento europei (SIE), compreso il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR);
 che il Regolamento UE n. 1301/2013, indicando le priorità di investimento a favore della crescita e dell’occupazione, identifica sia gli ambiti di applicazione dei fondi FESR sia le concentrazioni tematiche;
 che l’articolo 1, comma 703 della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015), ha definito le nuove procedure di programmazione delle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020;
3
 che l’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, ed in particolare il comma 6 prevede che il complesso delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo di programmazione 2014-2020 sia destinato a sostenere esclusivamente interventi per lo sviluppo, anche di natura ambientale;
 che la Commissione Europea ha adottato, in data 29 ottobre 2014, l’Accordo di Partenariato con l’Italia per l'impiego dei fondi strutturali e di investimento europei per la crescita e l’occupazione nel periodo 2014-2020;
 che, in relazione al periodo di programmazione 2014-2020, si intendono assegnare risorse pari ad un importo di 1.198,7 milioni di euro del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione per l’attuazione degli interventi compresi nel presente Patto per la Regione Calabria, quale quota parte del totale delle risorse destinate alla Regione Calabria, nell’ambito del Fondo Sviluppo e Coesione destinato alle Regioni del Mezzogiorno;
 che, in relazione alle quote dei PON 2014-2020 e di altre fonti nazionali richieste dalla Regione Calabria per il cofinanziamento di interventi nell’ambito del presente Patto, si rimanda per la definizione delle stesse a successivi incontri bilaterali tra la Regione Calabria e le amministrazioni competenti.
TENUTO CONTO
 che il Consiglio Regionale della Calabria, nella seduta del 22 dicembre 2015, ha discusso, ai fini della definizione del Patto per lo Sviluppo della Regione Calabria, le linee di fondo e gli interventi prioritari finalizzati allo sviluppo della mobilità regionale;alla sostenibilità ambientale, allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale;alla valorizzazione turistica e culturale del patrimonio regionale; al rafforzamento del sistema universitario e scolastico; alla sicurezza e alla diffusione della cultura della legalità;
 che gli obiettivi primari degli assi di intervento individuati mirano a recuperare il divario sociale e produttivo, dare un forte impulso alla valorizzazione delle eccellenze calabresi nei settori dell’agroalimentare, potenziare l’offerta turistica e culturale del territorio, promuovere lo sviluppo della PMI, intervenire nel settore delle infrastrutture e per la messa insicurezza del territorio, diffondere la cultura e l’accoglienza;
 che, per quanto riguarda la realizzazione degli interventi in materia di governo e gestione della risorsa idrica, deve essere data massima priorità a quegli interventi che risolvono procedure di infrazione alle direttive comunitarie sulle quali siano già state emesse sentenze di condanna o siano in corso procedure di pre-contenzioso (EU PILOT), tenendo altresì conto degli obiettivi di qualità previsti dalla direttiva 2000/60/CE e perseguendo, laddove possibile, l’integrazione tra finalità di tutela della risorsa e degli ecosistemi acquatici ex direttiva 2000/60/CE e finalità di mitigazione del rischio idrogeologico ai sensi della direttiva 2007/60/CE;
 che gli interventi contro il rischio di dissesto idrogeologico da finanziare con risorse pubbliche devono essere coerenti con le mappe della pericolosità e rischio e con gli obiettivi e le priorità correlate individuati nei Piani di gestione del rischio di alluvioni, ai sensi della direttiva 2007/60/CE, approvati dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nei Comitati Istituzionali Integrati delle Autorità di Bacino, ai sensi dell’art. 4 comma 3 del D. Lgs. N. 219/2010 e per quanto riguarda la pericolosità da alluvione fluviale e costiera e nelle pianificazioni di assetto idrogeologico (PAI) per quanto attiene alla pericolosità geomorfologica, in applicazione dei criteri di ammissibilità e di selezione individuati nel DPCM 28 maggio 2015;
 che le principali Linee di Sviluppo e relative aree di intervento,concordate tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Calabria, sono le seguenti:
4
1. Infrastrutture nodali
Gli interventi che rientrano in questo settore sono quelli relativi allo studio di fattibilità per la velocizzazione della Linea ferroviaria Salerno – Reggio Calabria, il potenziamento infrastrutturale del porto internazionale di Gioia Tauro, il piano per il sistema portuale nazionale e regionale e la promozione del sistema aeroportuale. Gli interventi relativi alle infrastrutture lineari ed alla logistica, compresi nei contratti di programma nazionali, a partire da quelli della rete europea (A3, E90 e grandi trasversali) e quelli su linee ferrate aventi un ruolo importante per l’area jonica, sono oggetto di un confronto con le Amministrazioni nazionali competenti, ormai in fase avanzata, per un’intesa integrativa del presente Patto.
2. Ambiente e messa in sicurezza del territorio (Programma Calabria Sicura)
Il programma Calabria Sicura investe tutte le problematiche relative al rischio idrogeologico, la protezione costiera, la bonifica e messa a norma delle discariche e dei siti inquinati, il potenziamento degli impianti di depurazione a partire da quelli oggetto di procedura d’infrazione, il completamento del piano regionale dei rifiuti, la ridefinizione del programma per completare gli schemi idrici regionali, il potenziamento e monitoraggio delle reti idriche, il miglioramento antisismico degli edifici strategici e scolatici.
3. Sviluppo economico e produttivo
Gli interventi in questo settore vanno collocati nell’ambito di una strategia complessiva definita con altri strumenti di programmazione, a partire dal POR e dal PSR 2014-2020, che affronta tutti i temi dell’innovazione, delle politiche di sostegno alle imprese e della creazione di nuovi posti di lavoro in particolare per le nuove generazioni. Tra gli interventi evidenziati e rafforzati sono compresi: la realizzazione della banda ultra larga e dell’agenda digitale; il sostegno al settore agroalimentare ed agroindustriale, il credito d’imposta e l’imprenditoria giovanile e femminile.
4. Turismo, Cultura e Sport
Gli interventi in questo ambito vanno ad integrare quanto previsto dal Programma Operativo Regionale (POR) e dal PON Cultura e sono finalizzati a trasformare i poli culturali in attrattori turistici, promuovendo un’integrazione dei settori turismo e cultura in un organico ed unitario progetto regionale. Le risorse per il settore dello sport costituiscono un moltiplicatore di spesa nell’ambito di un protocollo con il Credito sportivo.
5. Scuola, Università e lavoro
Gli interventi per la scuola sono finalizzati al rafforzamento del sistema scolastico regionale con una duplice articolazione da integrare con gli interventi di miglioramento sismico: iniziative per l’organizzazione funzionale del sistema; interventi per l’università finalizzati ad elevare i processi di alta formazione e di nuova occupazione.
6. Edilizia ed innovazione sanitaria
Gli interventi, in coerenza con la riorganizzazione della rete ospedaliera della Calabria, sono finalizzati, a partire dagli Ospedali Hub, all’ammodernamento delle strutture ed all’innovazione delle tecnologie sanitarie.
7. Sicurezza e legalità
Le azioni previste sono finalizzate a rafforzare i “contratti locali di legalità e sicurezza” aventi lo scopo di aumentare il livello di sicurezza per i cittadini e le imprese e, contemporaneamente di sostenere politiche di inclusione sociale per gli immigrati.
5
 che il CIPE, con deliberazione n. 10 del 28 gennaio 2015, ha approvato la definizione dei criteri di cofinanziamento pubblico nazionale dei programmi europei per il periodo di programmazione 2014-2020 e il relativo monitoraggio, nonché i criteri per la programmazione degli interventi complementari di cui all’articolo 1, comma 242 della legge n. 147/2013, previsti nell’Accordo di partenariato 2014-2020;
 che, ai sensi del comma 703 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015), sarà presentata relativa proposta al Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) per l’assegnazione degli importi, a valere sulle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione afferenti alla programmazione 2014-2020, destinati alla realizzazione degli interventi compresi nel Patto;
 chela Regione Calabriaha già definitoi seguenti strumenti di programmazione:
Programma
Atto di approvazione
Risorse (€)
1
Delibera CIPE 21/2014
Rimodulazione DGR 222/21 luglio 2015-all. A
184.520.275,34
2
Delibera CIPE 89/2012
Rimodulazione DGR 222/21 luglio 2015-all. B
187.740.162,55
3
FONDI PAC 2014/2020
Rimodulazione DGR 41/24 febbraio 2016
832.634.894,00
4
PO CALABRIA FESR FSE 2014-2020
Approvazione CE n. 7277/20 ottobre 2015
2.378.956.842,00
5
PSR 2014-2020
Deliberazione del Consiglio Regionale n. 99/23 febbraio 2016
1.103.562.000,00
 che la Regione Calabria, ai sensi delle delibere CIPE 52/98, 53/98 e 65/2002, dispone di un finanziamento ex art. 20 della legge67/88 (edilizia sanitaria) per il quale è in corso la definizione delle procedure di spesa:
Programma
Atto di approvazione
Risorse (€)
6
Edilizia sanitaria
Fondi ex art. 20 legge 67/88
268.519.302,00
 che il D.Lgs.n. 267/2000 (Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali) disciplina, tra l’altro, i compiti delle regioni nel organizzare l’esercizio delle funzioni amministrative a livello locale, in particolare prevedendo strumenti e procedure di raccordo e concertazione, con le autonomie locali, al fine di realizzare un sistema efficiente al servizio dello sviluppo economico, sociale e civile.
 che il Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di cui all’articolo 10, comma 2, del decreto-legge 31agosto 2013, n. 101, convertito dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, cura il raccordo con le amministrazioni statali e regionali competenti, anche ai fini dell’adozione degli atti di indirizzo e di programmazione relativi all’impiego dei Fondi strutturali dell’Unione europea nonché del Fondo per lo sviluppo e la coesione;
 che l’Agenzia per la coesione territoriale, di cui all’art. 10, comma 1, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, al fine di assicurare il rafforzamento dell’azione di programmazione, coordinamento, sorveglianza e sostegno della politica di coesione, tra l’altro:
o opera, in raccordo con le amministrazioni competenti,il monitoraggio sistematico e continuo dei programmi operativi e degli interventi della politica di coesione;
o può assumere le funzioni dirette di Autorità di Gestione;
6
o vigila, nel rispetto delle competenze delle singole amministrazioni pubbliche, sull’attuazione dei programmi;
o dà esecuzione alle determinazioni adottate ai sensi degli articoli 3 e 6 del D. Lgs. n. 88/2011.
 che l’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. (di seguito Invitalia), al fine di accelerare l’attuazione degli investimenti di rilevanza strategica per la coesione territoriale e la crescita economica, nonché razionalizzare e rendere più efficienti le relative procedure di spesa può svolgere attività economiche, finanziarie e tecniche a supporto delle Amministrazioni interessate alla realizzazione di interventi finanziati con risorse nazionali e comunitarie e svolgere le funzioni di Centrale di Committenza ai sensi dell’articolo 55-bis, comma 2-bis, decreto-legge n. 1/2012, convertito con modificazione dalla legge n. 27/2012 e dell’articolo 38, comma 2, D.Lgs. 50/2016 “Codice dei Contratti Pubblici”, nonché le funzioni di soggetto attuatore degli interventi previsti nei Contratti Istituzionali di Sviluppo, ai sensi dell’articolo 6, comma 2, D.Lgs. n. 88/2011.
 che la Regione Calabria, per l’attuazione degli interventi inseriti nel presente Patto, può avvalersi dei propri Enti e Società in house,nel rispetto di quanto previsto dalla normativa europea e nazionale in materia.
CONSIDERATO
 che la Presidenza del Consiglio dei Ministri intende attivare,d’intesa con la Regione Calabriaun processodi pianificazione strategica con l’obiettivo di:
1. assicurare la realizzazione degli interventi strategici e qualificanti per il territorio, monitorando edaccelerando l’attuazione degli interventi già in corso;
2. avviare gliinterventi strategici già compresi nella piattaforma progettuale territoriale, anche attraverso lo snellimento dei processi tecnici ed amministrativi;
3. assicurare la progettazione di nuovi interventi considerati strategici per la specifica area territoriale;
 che la Presidenza del Consiglio dei Ministri/Dipartimento per le Politiche di Coesione, al fine di accelerare la realizzazione degli interventi infrastrutturali materialie immateriali, assicurare la qualità di spesa, garantireil necessario coinvolgimento di tutti i soggetti implicati nel processo di pianificazione strategica, intende promuovere le misure di attuazione rafforzata degli interventi avvalendosi dell’Agenzia della Coesione Territoriale per il monitoraggio sistematicoe continuo degli interventi e di Invitalia quale soggetto attuatore, salvo quanto demandatoall’attuazione da parte dei concessionari di servizi pubblici, ai sensi della normativa vigente.
RITENUTO
 opportuno procedere alla stipula di un Patto per la Regione Calabria, in ragione della dimensione e complessità degli interventi per lo sviluppo socio-economico della regione, al fine di dare un rapido avvio e garantire l’attuazione degli interventi considerati strategici, nonché di facilitare la nuova programmazione nazionale e comunitaria 2014-2020;
 che con la stipula del presente Patto per la Regione Calabria, le Parti intendono fornire una risposta flessibile ed integrata alle diverse esigenze territoriali, promuovendo a tal fine, un più efficace coordinamento tra i diversi strumenti di programmazione e di pianificazione e tra le diverse fonti finanziarie disponibili, nonché tra i diversi soggetti istituzionali interessati;
tutto ciò premesso
7
Il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Presidente della Regione Calabria, di seguito le Parti, stipulano il presente Patto: Articolo 1 (Recepimento delle premesse)
1. Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente Patto e costituiscono i presupposti su cui si fonda il consenso delle Parti.
Articolo 2 (Oggetto e finalità)
1. Con il presente Patto, le Partisi impegnano ad avviare e sostenereun percorso unitario di intervento sul territorio della Regione Calabria, finalizzato allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale dell’area, nonché alla sostenibilità ambientale ed alla sicurezza del territorio;
2. A tale fine, le Parti, tenuto conto delle linee di sviluppo e delle aree di intervento,condivise tra la Regione Calabria ed il Governo, hanno identificatogli interventi prioritarie gli obiettivi da conseguire entro il 2017 indicati nell’Allegato A, che forma parte integrante del presente Patto, per la cui attuazione è ritenuta necessaria un’azione coordinata,con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati.
Articolo 3 (Risorse finanziarie)
1. Le Parti si impegnano a dare attuazione ai contenuti del Patto mediante la messa a sistema delle risorse disponibili ordinarie ed aggiuntive, nazionali ed europee, nonché ricorrendo ad altri strumenti finanziari quali fondi rotativi, project financing, ecc.;
2. L’importo complessivo degli interventi, che costituiscono gli impegni del presente Patto, e le risorse finanziarie previste per la loro attuazione sono indicati in dettaglio nell’Allegato A al Patto e sono sinteticamente descritte, per macro-categorie, nella seguente tabella, suddivise per aree di intervento:
Area di intervento Costo totale interventi (€) Risorse già assegnate (1) (€) Risorse FSC 2014-2020 (€) Altre risorse disponibili (2) (€) Risorse finanziarie FSC al 2017 (€)
Infrastrutture nodali 642.743.399 163.343.399 104.400.000 375.000.000 32.000.000
Ambiente e messa in sicurezza del territorio 1.661.558.705 566.486.123 769.329.610 325.742.972 119.400.000
Sviluppo economico e produttivo 665.314.833 385.314.833 60.000.000 220.000.000 10.000.000
Turismo, Cultura e Sport 294.873.969 179.873.000 75.000.000 38.000.000 19.000.000
Scuola, Università e Lavoro 912.639.753 292.246.174 122.993.579 497.400.000 30.000.000
Edilizia sanitaria 662.652.253 602.652.253 60.000.000 0 8.000.000
Sicurezza e Legalità 95.776.811 30.900.000 6.976.811 57.900.000 2.000.000
Totale costi e risorse 4.933.558.754 2.220.815.782 1.198.700.000 1.514.042.972 220.400.000
(1) Risorse già assegnate: con precedenti programmazioni: quota parte di POR, PAC, APQ,Ordinanze di Protezione Civile, Legge 67/88,PON Cultura; (2) Altre risorse disponibili: Programmi Operativi Nazionali ed altre fonti nazionali.
8
3. Le risorse finanziarie a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione,riferite al periodo di programmazione 2014-2020, verranno assegnateda parte del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE), ai sensi del comma 703 dell’art. 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015).
4. Con delibera CIPE verranno indicati i criteri ed i meccanismi per il trasferimento delle risorse FSC 2014-2020 e per la revoca totale o parziale delle stesse risorse di cui al presente Patto.
5. Per quanto concerne gli interventi relativi al settore strategico “Ambiente”, le Parti si impegnano affinché:
i) negli ambiti o bacini territoriali ottimali in cui si debba ancora ottemperare agli adeguamenti di cui all’art. 172 commi 1, 2 e 3 del D. Lgs. 152/2006, come sostituito dall’art. 7 comma 1 della legge 164/2014 (cd. Sblocca Italia), venga accelerato l’avvio delle procedure di affidamento ai sensi del comma 4 del medesimo art. 172, tenendo conto che risulta ormai scaduto il termine perentorio da ultimo fissato alla data del 30 settembre 2015 per l’adozione dei relativi provvedimenti. Tali affidamenti saranno disposti in conformitàcon normativa vigente dall'Ente idrico in corso di costituzione ai sensi della nuova legge di riordino del servizio di cui si è dotata la Regione Calabria (legge 2 dicembre 2015, n. 15 );
ii) i progetti per interventi di contrasto al dissesto idrogeologico, come risultanti dal sistema telematico Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo–ReNDIS e validati dalla Regione, conformemente a quanto previsto dalla legislazione vigente, siano ammessi a finanziamento utilizzando i criteri di scelta e di attribuzione delle risorse che, ai sensi dell’art. 10, comma 11, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, sono stati approvati con DPCM 28 maggio 2015 recante "Individuazione dei criteri e delle modalità per stabilire le priorità di attribuzione delle risorse agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico".
Articolo 4 (Modalità attuative)
1. In considerazione della strategicità e complessità degli interventi, nonché per accelerarne la realizzazione, le Parti, nel rispetto della pertinente normativa europea e nazionale, possono individuare Invitalia quale soggetto responsabile per l’attuazione degli interventi. Al fine di garantire la tempestiva attuazione degli interventi previsti dal presente Patto, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di concerto con la Regione Calabria, ove necessario e nel rispetto delle disposizioni comunitarie e nazionali, adotta le opportune misure di accelerazione ai sensi di quanto previsto dall’articolo 10, comma 2, lettere f-bis ed f-ter, decreto-legge n. 101/2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 125/2013.
2. Gli interventi saranno finanziati con risorse nazionali, dell’Unione Europea nonché mediante il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. A tal fine, le Parti si impegnano a dare attuazione aicontenuti del Patto mediante la messa a sistema, come indicato nell’Allegato A, delle risorse disponibili FSC 2007-2013 ed FSC 2014-2020, dei Fondi strutturali dell’Unione europea e delle risorse di cofinanziamento nazionale, delle risorse ordinarie nonché ricorrendo ad altri strumenti finanziari quali fondi rotativi, project financing; ecc., tenendo conto, oltre di quanto previsto e programmato nell’ambito del Programma Operativo 2014-2020 della Regione Calabria (POR), anche dei Programmi Operativi nazionali (PON) rilevanti per gli ambiti di intervento oggetto del presente Patto;
3. La Regione Calabriaper l’attuazione degli interventi inseriti nel presente Patto, può avvalersi dei propri Enti e Società inhouse, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa europea e nazionale in materia.
9
4. L’Agenzia per la coesione territoriale è responsabile del coordinamento e della vigilanza sull’attuazione del Patto e svolge, altresì, l’azione di monitoraggio e valutazione degli obiettivi raggiunti.
Articolo 5 (Referenti del Patto – Comitato di indirizzo e controllo per la gestione del Patto)
1. I referenti del presente Patto sono l’Autorità Politica per la Coesione e il Presidente della Regione Calabria.
2. L’Autorità Politica per la Coesione e la Regione Calabria si avvalgono di un Comitato di indirizzo e controllo per la gestione del Patto” (di seguito Comitato), senza oneri a carico del Patto medesimo, che risulta così costituito:
i. un rappresentante del Dipartimento per le Politiche di Coesione;
ii. un rappresentante del Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della Politica Economica;
iii. un rappresentante dell’Agenzia per la Coesione Territoriale;
iv. un rappresentante della Regione Calabria.
3. Il Comitato è presieduto dal rappresentante dell’Agenzia per la Coesione Territoriale.
4. Le Amministrazioni centrali e la Regione Calabria, coinvolte nella realizzazione degli interventi, pongono l’attuazione del Patto tra gli obiettivi annuali dei dirigenti interessati e ne danno informativa ai Referenti del Patto, trasmettendo le direttive annuali.
5. L’Agenzia per la Coesione Territoriale e la Regione Calabria nella prima riunione del Comitato indicano i propri rispettivi Responsabili Unici dell’attuazione del Patto i quali sovraintendono all’attuazione degli interventi previsti e riferiscono al Comitato e ai Referenti del Patto.
Articolo 6 (Impegni delle Parti)
1. Le Parti si impegnano, nello svolgimento dell’attività di propria competenza, a dare attuazione alle linee di azione descritte nel presente Patto; in particolare:
a) L’Autorità per la Politica di Coesione, avvalendosi dei competenti dipartimenti, si impegna ad assicurare forme di immediata collaborazione e di stretto coordinamento, anche con il ricorso agli strumenti di semplificazione dell’attività amministrativa e di snellimento dei procedimenti di decisione e di controllo. Si impegna, inoltre, a promuovere ogni utile iniziativa affinché le risorse finanziarie necessarie a sostenere l’attuazione di quanto previsto dal presente Patto siano effettivamente disponibili, per un’efficace attuazione degli interventi. A tal fine, su eventuale richiesta della Regione Calabria, l’Autorità per la politica della coesione si impegna a rendere disponibile il supporto tecnico operativo di Invitalia, anche in qualità di centrale di committenza e per l’avvio dei nuovi progetti, ai sensi di quanto previsto dall’articolo 55-bis, decreto-legge n. 1/2012 e dell’articolo 38, comma 2, D.Lgs. n. 50/2016.
b) Il Presidente della Regione Calabria, per quanto di competenza, si impegna ad assicurare il pieno conseguimento degli obiettivi del presente Patto, inclusi quelli di spesa indicati nell’Allegato A, subordinati alla effettiva disponibilità delle risorse finanziarie nazionali, avvalendosi dell’azione degli Uffici della Programmazione Unitaria presso il Gabinetto della Giunta della Regione Calabria, orientando l’attività amministrativa alla più efficace attuazione di quanto previsto agli articoli 2 e 3.
10
2. Le Parti concordano sulla necessità di avviare, sulla base di quanto proposto con provvedimento del Consiglio Regionale della Calabria del 25 settembre 2015, un percorso finalizzato a sottoporre alla Commissione Europea la proposta di realizzazione di Zone Economiche Speciali (ZES), comprendenti anche l’area Portuale e Retroportuale di Gioia Tauro, al fine di favorire la crescita economica di un’area identificata come tra le più idonee al rilancio degli investimenti esteri nel Paese.
3. Le Parti concordano che la velocizzazione (alta velocità) della linea ferroviaria Salerno-Reggio Calabria, l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e l’adeguamento della Strada Statale 106 Jonica (E 90) rappresentano una priorità sia in ambito nazionale che per il territorio regionale. Al fine di verificare la sostenibilità tecnico-economica degli interventi relativi all’alta velocità, la Presidenza del Consiglio dei Ministri si impegna ad una azione in stretto coordinamento con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e della Regione Calabria affinché sia realizzato uno studio di fattibilità relativo alle opere citate, propedeutico all’inserimento degli interventi nei rispettivi contratti di programma di Rete Ferroviaria Italiana. In relazione all’Autostrada A3 SA-RC, alla Strada Statale 106 (E90), alla rete ferroviaria le Parti concordano di procedere ad una integrazione degli interventi da prevedere nei rispettivi contratti di programma di ANAS ed RFI.
4. Il Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, qualora si rendesse necessario riprogrammare in tutto o in parte le risorse di cui al presente Patto, interviene nell’istruttoria degli obiettivi e delle scelte di intervento, verificandone la coerenza con gli indirizzi definiti nei documenti di programmazione nazionali e comunitari.
5. Le Parti si impegnano a verificare periodicamente, almeno ogni 6 mesi, a partire dalla data di assegnazione delle risorse, lo stato di attuazione del presente Patto ed eventuali necessità di rimodulazione degli interventi indicati nell’Allegato A, a parità di spesa ammissibile a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione.
Articolo 7 (Sorveglianza, trasferimento risorse, valutazione)
1. I soggetti attuatori degli interventi compresi nel Patto presentanoai Responsabili Unici, di cui al comma 6 dell’art. 5, e aggiornano periodicamente, una scheda per ciascun intervento contenente i passaggi procedurali e l’avanzamento della spesa.
2. La sorveglianza del rispetto del cronoprogramma e la rispondenza delle opere realizzate a quanto indicato negli impegni sottoscritti dalle Parti è assicurata dal monitoraggio degli interventi da parte dei Responsabili Unici, anche tramite verifiche in loco.
3. La Regione è responsabile del corretto e tempestivo inserimento dei dati di monitoraggio.
4. I Responsabili Unici, con il supporto delle competenti strutture dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, assicurano a cadenza almeno bimestrale il regolare monitoraggio degli interventi utilizzando il sistema di monitoraggio unitario istituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. Le informazioni così acquisite sono rese disponibili alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche (BDAP).
5. I dati, le informazioni e i documenti acquisiti nel sistema di monitoraggio sono accessibili e condivisi tra tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione, gestione e controllo degli interventi.
6. Il Comitato sovraintende all’attività di verifica e, all’esito delle verifiche, assegna un congruo termine per l’attuazione delle eventuali azioni correttive.
7. Qualora l’esito delle verifiche portasse ad accertare che il mancato rispetto degli obiettivi procedurali e di spesa si discosta per più del 25 % rispetto alle previsioni, sono definanziati gli
11
interventi in fase di progettazione che presentano un ritardo. Per gli interventi in fase di realizzazione la sanzione è rappresentata dall’ammontare delle risorse in economia, comunque per un importo non inferiore al 10 % del valore dell’intervento.
8. Il trasferimento delle risorse del Fondo Sviluppo Coesione è vincolato al rispetto del completo inserimento dei dati dei singoli interventi nel sistema di monitoraggio unitario, incluso il cronoprogramma di ogni intervento. Il mancato inserimento e/o aggiornamento dei dati di monitoraggio comporta la sospensione del trasferimento delle relative risorse.
9. Nei dodici mesi successivi alla realizzazione di ciascun intervento, la Regione presenta al Comitato un rapporto di valutazione sull'efficacia dell'intervento realizzato.
Articolo 8 (Informazione e pubblicità)
1. Le informazioni riferite agli obiettivi, alla realizzazione ed ai risultati del presente Patto saranno pubblicizzate sulla base un piano di comunicazione predisposto dall’Agenzia per la Coesione Territoriale.
2. Al fine di garantire la massima trasparenza e la migliore comunicazione ai cittadini sullo stato di avanzamento dei lavori, il Presidente della Regione si impegna a:
a) individuare e comunicare al Comitato un referente per gli aspetti collegati all’attività di comunicazione;
b) fornire tutti i dati richiesti dal Comitato al fine di consentire la comunicazione di informazioni ai cittadini attraverso sistemi “open-data”.
Articolo 9 (Disposizioni finali)
1. Eventuali modifiche al presente Patto sono concordate tra le Parti e formalizzate mediante atto scritto.
Reggio Calabria,30 aprile 2016 
Il Presidente del Consiglio dei Ministri                                                             Il Presidente della Regione Calabria 
 
 
 
SEGUONO SCHEDE
 
 
 

 

Cerca nel sito

200009031-5f4ca613d2/50000000.jpg