MIRELLA VIOLI AQUILA BIANCO-CELESTE D'APROMONTE

29.12.2015 18:56

di Mimmo Musolino

           Marcella Violi: l'Aquila bianco-celeste  dell'Aspromonte, dal "nido "di Staiti a Roma capitale, e la speranza di far rivivere lo sport a Locri .  L'amara ed indescrivibile vicenda dello Sporting Locri calcio a 5 femminile ha suscitato scalpore in tutto il mondo sportivo e civile e non solo in Italia. Ancora non si era mai verificato che  una società sportiva fosse costretta a chiudere la sua attività per minacce espletate in diverse circostanze e forme abbastanza gravi e reiterate. Ironia del destino la prossima partita, esattamente domenica  10 gennaio, al campo sportivo di Locri  era attesa la squadra capitolina della Lazio, Campione d'Italia e vincitrice della coppa Italia e della supercoppa italiana  ed una delle più forti formazioni di calcio a 5 femminile  che calcano  i terreni di gioco  in tutta Europa in questo momento. Ma questo  particolare non sarebbe una eccezionale  notizia  se nella squadra della Lazio una delle più forti giocatrici non fosse la "centrale" Marcella Violi, l'Aquila laziale che arriva dalle alture dell'Aspromonte e precisamente  dal "nido" di Staiti, la più piccola comunità del Parco Nazionale dell'Aspromonte, dopo una militanza nella Pro-Reggina e con la conquista, anche con la squadra amaranto, del suo primo tricolore di Campione d' Italia. Adesso Marcella  prosegue gli allenamenti  a Roma ma nei prossimi giorni è attesa con grande entusiasmo a Staiti dal padre Mimmo, funzionario  comunale ,  che gli ha dedicato tutto il suo amorevole impegno e dedizione accompagnandola quasi quotidianamente a Reggio Cal, fin da quando Marcella aveva 10 anni, dalla Mamma Antonella e dai  cari fratelli Giuseppe ed Emanuele, in quanto il legame di Marcella con la sua terra di origine  non solo non è stato dimenticato ma si è sicuramente rafforzato. Marcella, tramite il padre Mimmo,  ha espresso tutta la sua amarezza  per la vicenda della colleghe calciatrici locresi e per i dirigenti dello Sporting Locri ed ha espresso il grande desiderio, come regalo per l'anno nuovo, di poter disputare la partita di campionato a Locri, regolarmente il 10 gennaio,  e che nel frattempo  tutta questa amara  ed incredibile vicenda possa trovare una giusta soluzione con il ritorno dello Sporting Locri  all' attività agonistica e come ha dichiarato il presidente della Lazio, Valerio Piersigilli di poter trovare un clima di sicurezza e serenità   e se questo mancasse ha proposto di sospendere il campionato affinchè lo sport, tutto lo sport,  non dimentichi ... " Ed in seguito , come pubblicamente e solennemente  promesso dal presidente della Federazione Italiana Calcio, Carlo  Tavecchio,  possa, al più presto, ritornare a giocare proprio a Locri con la maglia della Nazionale Italiana di calcio a 5  (altro grandissimo e prestigioso traguardo raggiunto in breve tempo) della quale la "centrale" Marcella è fondamentale  punto di forza .

Melito P.S.  

Cerca nel sito

Array