L’A.N.P.A.N.A. G.E.P.A. IN EMERGENZA IDROGEOLOGICA A DIFESA DEL TERRITORIO MARTORIATO DAL MALTEMPO

20.11.2015 22:40

Bova Marina-Numerose le richieste di aiuto a causa delle impervie condizioni meteo, giunte presso la sala operativa del COM 18 di Bova Marina dove è presente in h24 il personale dell’A.N.P.A.N.A. G.E.P.A., molte le zone di intervento, in particolare nei territori interni dei Comuni di Bova e Bova Marina e lungo il litorale, l’aspettato nubifragio si è verificato per tutta la notte ed il pomeriggio di domenica, e secondo le previsioni continuerà anche nelle prossime 24/36 ore. I Sindaci di San Lorenzo, Bova, Bova Marina e Brancaleone hanno ritenuto di chiedere l’intervento del N.O.P.I. gruppo operativo pronto intervento della dell’A.N.P.A.N.A.G.E.P.A. per prevenire e monitorare le aree con maggiore rischio idrogeologico e poter così intervenire tempestivamente in caso di situazioni gravi di pericolo, causa principale di danni nelle aree Comunali di riferimento data la morfologia delle stesse. Immediata è stata l’attivazione da parte dell’Associazione A.N.P.A.N.A. G.E.P.A. (Onlus) la quale ha subito fatto innescare tutte le procedure di rito, ottemperato alle varie richieste di aiuto dei cittadini.Tutti gli operatori disponibili ritenuti sia tecnicamente che a livello operativo in grado di affrontare queste emergenze, sono stati attivati e resi subito disponibili, monitorando ed intervenendo su tutto il territorio di competenza. Infatti da subito si sono dovuti effettuare i primi problemi, a causa dei continui smottamenti lungo le strade interne, la causa maggiore secondo il rapporto degli operatori in servizio è stato che l’acqua non riusciva a defluire, data la forte violenza e la spaventosa quantità con la quale veniva giù. In particolare, lungo la strada che conduce da Bova Marina a Bova, si sono riscontrati diversi smottamenti e cedimenti strutturali dei muretti perimetrali, in particolare un grosso masso è scivolato sulla carreggiata stradale causandone il blocco totale del transito, in altre frazioni sempre di Bova si sono verificate numerose frane e smottamenti. Mentre nel Comune di Bova Marina sono giunte tutte una serie di chiamate per segnalare cadute di pali elettrici o di illuminazione pubblica ed allagamenti delle cantine, in particolare in Contrada san Pasquale manca totalmente l’acqua potabile che viene distribuita a mezzo autobotte messa a disposizione e condotta dagli uomini dell’associazione. Anche nel Comune di San Lorenzo sono giunte molte segnalazioni, per caduta alberi che ostacolavano il passaggio dei veicoli, oltre a cedimenti delle reti di protezione delle scarpate causando riversamenti di cumuli composti da detriti e rocce, ingombrando in varie parti la carreggiata stradale, altre nuclei abitativi interne sono rimaste del tutto isolate ed irraggiungibili per diverse ore. La rimozione del materiale ad opera degli operatori dell’A.N.P.A.N.A. G.E.P.A. con la continua vigilanza dell’area si protrarrà per tutta la notte, in modo tale da poter tempestivamente intervenire, basandosi sullo studio alle mappe Geologiche ed all’andamento morfologico del territorio. In questo periodo dice il Dott. Franco siamo impegnati giornalmente a far fronte a tutte le emergenze che ci vengono segnalate da parte dei cittadini. Enormi sono attualmente i sacrifici per poter gestire in modo appropriato tutte le emergenze. Drastica la situazione nel Comune di Brancaleone dove i volontari operano da giorno uno ininterrottamente.Fram

Cerca nel sito