Bova Marina (RC)- Gran festa di popolo in piazza, dal 'primocittadino' all'ultimo, per festeggiare il trionfo della Bovese

12.05.2016 17:06

 

 

Bovese in festa dopo la leggendaria vittoria in quel di Scilla, Andrea Cuppari, Angelo Paone & soci, si sono abbandonati ai bagordi, crapula, baldoria, sciala e fa’ festa. E fu così, che nella stagione 2015-16, la Bovese, conquistò la Prima Categoria, girone D

DIRIGENTI, GIOCATORI E TIFOSI, ASSIEME AL SINDACO AVVOCATO VINCENZO CRUPI E GLI AMMINISTRATORI TUTTI IN PIAZZA: È QUI LA FESTA

Domenico Salvatore

BOVA MARINA (RC)-Una serata in piazza con Pantagruel & Gargantua. Tra sapori, odori, colori, inni e canti e cori da stadio.

Un bagno di folla, sacrosanto. La magica Bovese, di Andrea Cuppari e mister Angelo Paone, neo promossa in 1^ categoria, ha saputo conquistare il traguardo, al termine di una stagione irripetibile e memorabile.

Tuttavia, assolutamente sconsigliabile ai coronaropatici ed ai sofferenti di aritmia. Il rischio era, di vedersi saltare il tappo della valvola mitralica.

Hooligans e skin-heads, sono andati in fibrillazione, spesso e volentieri. E non c’era Simpatol, Betabloccante o Cardiovigor che tenesse.

Specialmente nella parte finale del torneo, quando la Bovese, ha avuto dal calendario, due match-ball irripetibili ed irrinunciabili.

La prima della classe (Scillese) e la seconda (Ravagnese), erano state costrette a trasferte durissime ed impossibili. Proprio qui al “Veterani dello sport.

Un mese fatale ai colori di casa. Pianto antico, sulle rive del Vena e del Siderone. Sarebbero bastati almeno due pareggi; oppure una vittoria, per trionfare.

Invece la Bovese, riesce a complicarsi la vita: perde i due scontri al vertice e dice addio sogni di gloria, addio castelli in aria.

Disco verde per la Scillese, che in verità, ha dominato il campionato dalla prima all’ultima giornata.

“Quasi”, fino all’ultimo. Partita finita, quando arbitro fischiato, canzonava il buon Vujadin Boskov.

Nessuno degli addetti ai lavori, nemmeno il più ottimista, avrebbe scommesso un dollaro bucato sulla vittoria del Ravagnese a Scilla.

Ma nel pallone, mai, dire mai. Intendiamoci il Ravagnese, costruito per vincere, si era rivelato il vero, autentico rivale della meravigliosa, splendida Scillese, beffata sul filo di lana.

Il Ravagnese, non poteva fallire il traguardo, aveva detto mister Ciccio Api, il trainer ‘asso pigliatutto’ degli ultimi campionati.

Un’impresa degna di Giasone ed i suoi Argonauti, tornato dalla Costa Viola con il vello d’oro sul più alto pennone.

Povera Scillese di mister Cardillo, oltre alla beffa anche il danno.

Teen-agers e soupporters, hanno il morale sotto i tacchi, inappetenza, gastro-enterite, emicrania, depressione ed insonnia. Non si può accettare questo colpo gobbo del destino.

C’è chi si scaglia contro gli arbitri. Ma non s’incassano nove reti in meno di venti giorni (4-3-2). Le cause vanno ricercate altrove.

E’ successa la stessa cosa della Bovese. Aveva due match ball per stravincere.

Scillese sciupona, scialacquatrice e sprecona. Gli bastava il pareggio contro il Ravagnese per tirare fuori il Dom Perignon e la torta.

Invece? Ne prende quattro. In casa. Davanti al pubblico amico, annichilito ed incredulo.

Un pareggio contro la Bovese, sarebbe stato sufficiente per piangere con un occhio solo.

Invece ne prende ancora tre ( e fanno sette, in otto giorni) e rimane con il classico pugno di mosche in mano.

Un’ingiustizia bella e buona; se non inaccettabile. Perché le sue partite, le aveva vinte sul campo. Belle, nette, pulite.

In casa e fuori. La Scillese, aveva convinto anche i più scettici, dubbiosi e sospettosi.

Avrebbe meritato di stravincere. Questa, non è solamente la nostra opinione, sic et simpliciter.

La Bovese di Andrea Cuppari e mister Angelo Paone, è stata ripagata, soddisfatta o rimborsata, per quello che di buono aveva fatto in un torneo strepitoso e fantastico.

Trascinata dal nuovo capocannoniere del Campionato Norberto Petronio, incubo notturno degli ‘uominiragno’, autore di ben 32 reti nelle regular season; più altre due supplementari.

La formazione della ‘Costa dei Saraceni’, aveva messo in vetrina un modulo tattico cinico, efficiente ed efficace, quasi speculare. A volte, spettacolare, con le bollicine.

Poche le reti incassate. Tantissime quelle realizzate. Per farla breve, tre squadre che hanno ‘ucciso’ il campionato e che meriterebbero tutte, la prima categoria, dalla porta principale.

Riteniamo, che sarà spalancata la porta principale, anche per la Scillese.

Maledetto quel ‘punto’ che fece perdere la cappa di priore al monaco Martino...Porta patens esto. Nulli claudatur honesto; La porta sia aperta. A nessuno sia chiusa alle persone oneste.

Con lo spostamento del punto, diventava:” Porta patens esto nulli, claudatur honesto: "La porta non resti aperta per nessuno. Sia chiusa all'(uomo) onesto".   

Vincere fuori casa per la Bovese, non era impresa difficile. Ma vincere fuori casa con la Scillese, che aveva il dente avvelenato, era praticamente impossibile.

Il gioco del calcio mantiene intatto il suo fascino, la seduzione, l’attrazione, proprio per questo tipo d’ imprese.

Anche per la Bovese, sarebbe stata una beffa atroce, fallire la prima categoria dalla porta principale.

Ed ora, il meritato ‘riposo del guerriero’. Abbuffata in piazza fra battute, sapori, odori, colori, rumori, profumi, risate, baci ed abbracci, pizza, panini, birra e vino a perdere, salvo palloncino.

Poi, tutti in vacanza al mare od ai monti. Chi possa permetterselo ( a sue spese) a Sharm El Sheick, Maldive o un paradiso della Polinesia. Alternativo, a Copacabana, Acapulco, Miami Beach.

Oppure  Roccella Jonica, ogni anno premiata con cinque bandierine azzurre o blu. Isole Eolie o Lipari, Pizzo, Praia a Mare, Scalea, Melissa, Trebisacce, Costiera Amalfitana, Versilia, Cinqueterre, Portofino, Riccione, Rimini, Cattolica, Lignano Sabbiadoro e perfino sotto Capo San Giovanni d’Alos.

La dirigenza, ancora non può andare in ferie od in vacanza. Primum vivere, deinde philosophari.

Prima, bisognerà abbozzare la futura squadra da prima categoria. Di solito, nel mese di maggio…fioriscono le rose, se sian fiori.

Bovese magica? Come hai fatto in soli due anni, dal niente a raggiungere simili traguardi?

L’entusiasmo, sposta le montagne. D’accordo, ma la programmazione seria, la progettazione credibile, la pianificazione sostenibile, possono completare il miracolo.

 

Allenatore che vince, non si cambia! Su questo concordano un po’ tutti. Inamovibile anche l’ossatura della squadra. Sebbene qualche settore vada rinforzato.

Con quest’amministrazione comunale che spinge da tutte le parti. Con questo stadio tornato agli splendori di un tempo. Con questa tifoseria appassionata, attenta e competente. Con quest’ambiente che finalmente si è risvegliato. Con questa fame di pallone e di successi, la Bovese può arrivare lontano.

Bova Marina è la piccola capitale della cultura, che ha espresso personaggi del calibro del compianto professor Pasquino Crupi, docente giornalista, sindaco, scrittore e saggista, antropologo e meridionalista di fama.

Ma vuol diventare anche, una piccola capitale del pallone. Gl’ingredienti ci sono tutti. Negli anni, ha sfornato una serie incredibile di campioni, ‘emigrati’ verso altri lidi.

Certamente in prima categoria, servono calciatori esperti, ma anche adatti ed idonei a questo tipo di campionati.

Gli allenamenti, saranno leggermente diversi; e le uscite anche. Puntare sugli indigeni autoctoni, a discapito degli alloctoni, si è rivelato vincente.

Avere tutti giocatori di Bova Marina & dintorni, non è facile; ma, nemmeno è una mossa azzardata.

Classifica finale della regular season; da recuperare Ravagnese-Ludos Vecchia Miniera, vinta dal Ravagnese che saliva a 54 punti e maturava il diritto ad un primo spareggio, anche questo vinto, in casa della Scillese.

Il Ravagnese, vinceva pure a Villa San Giovanni, lo spareggio per la 1^categoria.

La Scillese, complessivamente, nel breve volgere di qualche settimana, è riuscita nel finale burrascoso, incredibilmente, a perdere tre partite di fila: due con il Ravagnese ed una con la Bovese.

Peggio di così, non si può. Che cosa è successo?

Ecco come si presentava la classifica generale a fine stagione:

 Pos                           Squadra       G.   W   L    Pti

1      Scillese 2012               21      17   1     54

2      Ravagnese Calcio       21      16   2     51

3      Polisportiva Bovese          21      16   4     49

4     Archi Calcio                 20      13   4     42

5      Fortitudo Reggio        21      9     8     31

6      Rhegium City              21      9     11   28

7      Futsal Melito               21      8     13   24

8      Condofuri 2009                 21      7     12   23

9      Ludos Vec. Miniera           20      6     13   19

10    Campese                      21      5     12   19

11    Borgo Grecanico         21      4     14   15

12    Motta San Giovanni    21             2    18   7

 

 CONCLUSIONE

Ravagnese e Bovese in 1^ categoria.

Motta e Camese retrocesse in 3^ categoria

C’è pur sempre il premio di consolazione dei ripescaggi; per ‘sistemazione del calendario’; per rinuncia di qualche squadra; per fusione e perfino per mancata iscrizione. Molto dipenderà da due fattori.

Dalla salvezza della Palmese, impegnata nei play-out di serie D.

Dalla promozione del Castrovillari, impegnato nei play-off interregionali per l’accesso alla serie D.

SOCIETA’ 

Nome    Ruolo

Giovanni Andrea Cuppari      Presidente

 

Claudio Pangallo      Vice Presidente

Davide Tripepi   Vice Presidente

 

Andrea Malara   Dirigente

Carmelo Tuscano      Dirigente

D'Ascola      Dirigente

Francesco Renda       Dirigente

Giuseppe Neri    Cassiere

Guglielmo Branca     Addetto Stampa

Palmiro Palamara      Direttore Sportivo

Rosario Dieni     Dirigente

*********************

LA ROSA DEI CALCIATORI   STAGIONE 2015-16

 Portiere

    Edmir Molla Numero: 12

    Data Nascita:

    Età: 19

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Portiere

 ********

    Portiere

    Giuseppe Malara Numero: 22

    Data Nascita:

    Età: 18

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Portiere

   **************

    Difensore

    Sergio Zavettieri Numero: 2

    Data Nascita:

    Età: 22

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difensore

    **********

    Difensore

    Pascal Palamara Numero: 9

    Data Nascita:

    Età: 26

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difensore

*************

    Difensore

  Giovanni Marino Numero: 17

    Data Nascita:

    Età: 29

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difensore

    **********

    Difensore

    Leo Cuppari Numero: 20

    Data Nascita:

    Età: 21

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difens
********

    Difensore

   Daniele Acquaviva Numero: 21

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difensore

    *******

    Difensore

    Pasquale Tuscano Numero: 24

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difensore

    **********

    Difensore

    Dario Tuscano Numero: 29

    Data Nascita:

    Età: 26

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Difensore

    *********

    Centrocampista

    Antonio Guglielmini Numero: 5

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

    **********

    Centrocampista

    Giuseppe Aronne Numero: 8

    Data Nascita:

    Età: 23

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

    **********

    Centrocampista

    Cristian Iiriti Numero: 10

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

    **********

    Centrocampista 

    Vincenzo Ligato Numero: 11

    Data Nascita:

    Età: 20

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

    ***********

    Centrocampista 

    Carmelo Scordo Numero: 13

    Data Nascita:

    Età: 26

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

************

    Centrocampista

    Giuseppe Cuppari Numero: 15

    Data Nascita:

    Età: 35

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

****************

    Centrocampista

    Agostino Patea Numero: 16

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

****************

  

Centrocampista

    Riccardo Neri Numero: 18

    Data Nascita:

    Età: 25

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

*****************

    Centrocampista

    Nicola Stelitano Numero: 30

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Centrocampista

**************

 

    Attaccante

    Bruno Guglielmini Numero: 4

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

    ************

    Attaccante

    Pasquino Criseo Numero: 6

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

    **************

    Attaccante

    Emanuele Orlando Numero: 7

    Data Nascita:

    Età: 21

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

***************

    Attaccante

    Norberto Petronio Numero: 14

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

*****************

    Attaccante

    Salvatore Modafferi Numero: 19

    Data Nascita:

    Età: 25

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

    **************

    Attaccante

    Salvatore Vadalà Numero: 23

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

****************

    Attaccante

    Giandrea Criseo Numero: 27

    Data Nascita:

    Età: 28

    Luogo Nascita:

    Ruolo: Attaccante

**************

ALLENATORE

       Nome    Ruolo    Età

       Angelo Paone     Allenatore   47

       Roberto Manti    Preparatore dei Portieri    51

****************************

STAGIONE 2016-…

SOCIETA’

Nome    Ruolo

Giovanni Andrea Cuppari      Presidente

Nome    Ruolo

Claudio Pangallo      Vice Presidente

Davide Tripepi   Vice Presidente

Nome    Ruolo

Andrea Malara   Dirigente

Carmelo Tuscano      Dirigente

D'Ascola      Dirigente

Francesco Renda       Dirigente

Giuseppe Neri    Cassiere

Guglielmo Branca     Addetto Stampa

Palmiro Palamara      Direttore Sportivo

Rosario Dieni     Dirigente

***********************

Colori Sociali

       Bianco Azzurro

Sede

C/o Tecnobrico- Via Trieste- Bova Marina, 89035 Bova Marina

Stadio

Comunale Bova Marina-‘Veterani Dello Sport’

Via Monoscalco, Bova Marina

Tel. / Fax

tel. 3925104264

Email

tecnobrico@libero.it

Con il placet della società, abbiamo estrapolato  dal sito ufficiale della società, fonte www.polisportivabovese.altervista.org , alcuni dati e qualche foto…

Una dichiarazione del trainer Angelo Paone:“Sono molto contento di esser rimasto alla guida della Bovese, pur avendo avuto richieste ufficiali da parte di società di categorie superiori, ho declinato l’invito in quanto credo molto nel progetto Bovese. Progetto iniziato lo scorso anno con l’obiettivo di riportare il calcio giocato a Bova Marina dopo qualche anno di assenza, e di far tornare l’antico entusiasmo che ruotava intorno a questa società negli anni passati e devo dire che grazie al grande lavoro svolto dalla dirigenza, dall’abnegazione e attaccamento alla maglia dei calciatori e l’aiuto del nostro impagabile pubblico il tutto sta, fino ad oggi, girando per il verso giusto.

A fine agosto vecchi e nuovi si ritroveranno per iniziare la preparazione in vista del prossimo torneo di seconda categoria che per il blasone e la storia che rappresenta la società di cui faccio parte non può che partire con l’obiettivo di far bene e arrivare più in alto possibile essendo perfettamente coscienti che troveremo avversari preparati e determinati a raggiungere ognuno i propri obiettivi.  

La rosa è stata rinforzata con l’arrivo di almeno sei sette elementi che lo scorso anno militavano in categorie superiore, che conoscono molto bene l’ambiente bovese, anzi a tal proposito vorrei ricordare che i componenti della rosa sono tutti ragazzi di Bova Marina,  prerogativa questa voluta in primis dalla società in modo da valorizzare al massimo le risorse del luogo…” 

Domenico Salvatore

P.S. sabato 21maggio 2016, si terrà una pubblica assemblea in piazza o all’interno, ancora da confermare, per il consuntivo della stagione; e per nuove proposte, in vista della stagione 2016-17.

Cerca nel sito