MARINA DI SAN LORENZO (RC), DIRITTO ALLA MOBILITA' NEL VERSANTE IONICO MERIDIONALE

17.01.2016 10:23

Marina di San Lorenzo, Gattuso: "Il diritto alla mobilità deve essere garantito"

"Il diritto alla mobilità deve essere garantito a tutti" ha dichiarato Domenico Gattuso, Presidente Ciufer (Comitato Italiano Utenti delle Ferrovie Regionali) mettendo in evidenza  un graduale stato di abbandono della linea ferroviaria della fascia jonica, sottolineando un processo in atto, che dovrebbe portare alla cancellazione di numerosi km di rete ferroviaria dalla scena Jonica, ritenuti deficitari ed esageratamente costosi, preferendo la logica d'impresa, che cerca profitti e non quella di servizio alla popolazione.

Nel corso degli ultimi anni si sono realizzate numerose manifestazioni, affinché questo non avvenga, avendo come unico obiettivo il bene della Calabria, dunque al via alla quindicesima iniziativa, sostenuta dal Movimento Ferrovia Jonica Bene Comune, che si terrà sabato 23 gennaio a partire dalle ore 15:30,presso lo scalo ferroviario a Marina di San Lorenzo, luogo simbolo, in quanto alcuni anni addietro è stato cancellato il doppio binario in correlazione alla stazione.

Seguirà un convegno alle 16:30 presso la sala del Centro Giovanile Santissima Trinità in prossimità della Chiesa, all'incontro parteciperanno  45 tra associazioni, comitati, cittadini e 41 sindaci della costa jonica, tra i quali il primo cittadino laurentino, Bernardo Russo e il parroco Giovanni Zampaglione; gli stessi, stanno portando avanti la voce dei cittadini, che reclamano il riutilizzo delle corse dalla stazione di Marina di San Lorenzo.

"La strategia che è in corso, punta ad impoverire i servizi in modo da allontanare i viaggiatori e giustificare di conseguenza i tagli effettuati - ha affermato Domenico Gattuso - confidando successivamente nelle scarse reazioni delle popolazioni locali.

Si chiudono le stazioni, un tempo fiore all'occhiello e si lasciano subito dopo  al degrado, si utilizzano treni vecchi, sporchi, soggetti a frequenti guasti, si riducono i servizi con corse soppresse, ritardi, poca informazione ai viaggiatori - continua Gattuso -  e fondamentale sarebbe, anche il trasporto con gliautobus, al fine di migliorare i collegamenti con i paesi interni


La Calabria, ha bisogno di essere sostenuta nello sviluppo; e, non deve essere abbandonata a se stessa; uniamo le forze e attiviamoci tutti in nome del bene comune".

Francesca Martino

Cerca nel sito