Carmelo Minniti e Nina Iaria ('Una città da cambiare'), propongono il 5x1000 al Comune di Melito Porto Salvo

16.03.2016 13:04

 

L’iniziativa dei consiglieri comunali di minoranza Carmelo Minniti e Antonina Iaria, membri del gruppo consiliare in seno alla “Casa Rosada’ di Viale delle Rimembranze.

 MELITO PORTO SALVO (RC), “UNA CITTA’ DA CAMBIARE” A FAVORE DEL 5X1000 AL COMUNE

Claudia Pugliese

Melito Porto Salvo (rc)-#Unacittàdacambiare continua la sua lotta verso il cambiamento, presentando una mozione relativa al 5x1000 da destinare al Comune di Melito di Porto Salvo. 

Questa #unacittàdacambiare. Questa una proposta rivolta all’amministrazione comunale melitese, guidata da Meduri, affinché si impegni nel portare avanti una campagna di sensibilizzazione che metta al corrente i contribuenti della possibilità di devolvere il 5xMille alle attività sociali del Comune di Melito di Porto Salvo, così come previsto dalla Legge di stabilità nazionale.

I consiglieri promotori della suddetta mozione chiedono, altresì, di predisporre un'adeguata ed efficace campagna pubblicitaria sul sito ufficiale del Comune, sui social-network, mediante comunicati stampa, negli spazi per affissioni con appositi manifesti cartacei e avvisando presso tutti gli uffici e i locali aperti al pubblico del Comune di Melito di Porto Salvo.

Gli stessi consiglieri rivendicano la massima trasparenza nei confronti dei cittadini e chiedono che l’amministrazione si assuma l’impegno di rendere noto, attraverso la pubblicazione sul sito ufficiale del Comune di Melito di Porto Salvo, le attività sociali alle quali si rivolge il sostegno, quali: l’abbattimento di barriere architettoniche, dei servizi rivolti a disabili, bambini e anziani e molto altro ancora.

Considerando la grave crisi economica e sociale, che attualmente sta attraversando il paese e la collettività, risucchiandoli in un costante vortice di disagio e difficoltà, la minoranza, in virtù di tale consapevolezza, ritiene che il 5xMille possa rappresentare uno dei modesti mezzi che il Comune potrebbe utilizzare allo scopo di fronteggiarla.

La minoranza sottolinea, inoltre, che il 5xMille se non indirizzato, resta indiviso all’interno nelle casse dello Stato, nello contempo, i consiglieri di #unacittàdacambiare evidenziano che sono pochi i cittadini venuti a conoscenza dell’opportunità di destinarlo al Comune di residenza, senza alcun costo per il contribuente.

Sono le idee a muovere il mondo, ma lo sono ancor di più gli ideali, e quando entrambi convergono verso il bene comune, si realizza una politica sana volta a tutelare i cittadini, in tal caso, le fasce più deboli, imprigionate nel dramma dell’isolamento e dell’indifferenza sociale.

Claudia Pugliese

Cerca nel sito