Calcio/CSI-Over 40, La Valletuccio fa la partita e lo Sporting Club si prende i tre punti

23.02.2016 20:47

Valletuccio-Sporting 1-2 domenica 21 febbraio 2016Il presidente Vincenzo Anghelone contesta la direzione arbitrale, ma i padroni di casa hanno dilapidato un sacco ed una sporta di occasioni da rete

LO SPORTING CLUB DI REGGIO CALABRIA SBANCA IL RETTANGOLO DELLA VALLETUCCIO

Domenico Salvatore

MELITO PORTO SALVO-Domenica amara. Le stava stretto il pareggio. 

 

Valle di lacrime per i fratelli medici “Cosimo e Damiano”, alias Nino e Guido Zavettieri, ma anche per Scopelliti   Filippone, Surfaro,  Anghelone Vincenzo, Martino.   Franco,  Marrari, Sergi, Alati, Laganà, Anghelone Carmelo, Marra, Tringali, Nastasi, Pansera, Laface, Stelitano, Modaffari. Ma non si strappano i capelli, né si lacerano le vesti. Dice l’intramontabile Nino Zavettieri, che quando si sgranocchiano quei clamorosi ‘gollassi’, non rimane altro che la protesta e la contestazione. Lo Sporting Club di Reggio Calabria, non poteva festeggiare meglio di così, i suoi primi quarant’anni di vita, a queste dimensioni e latitudini. Fa buon viso e cattivo gioco mister Vincenzo Anghelone. Non ha digerito bene la direzione arbitrale. Non è dello stesso avviso ovviamente, la formazione dello Stretto, che non aggiunge niente allo splendido palmares ed al glorioso passato. Di soddisfazioni, coppe, trofei, campionati e medaglie, ne ha avute a iosa da riempire un paio di voluminose bacheche. Crispo, Poeta, Lacava, Cartone, Alati, Cicciù, Bonadio, Falleti, Abonanti, Sangiorgio, hanno messo in vetrina un 3-5-2 agile e snello di tutto rispetto. La terna, ha arbitrato con scienza e coscienza. Poi, è chiaro che la singola valutazione ci possa stare. E’ un gioco, accettiamolo per quel che è. Non serve, rovinarsi il fegato. Una volta si vince ed una si perde. In casa o fuori, è uguale. Non ci sono i Collina, Cardona, Trentalange, Cinciripini, Rizzoli, Agnolin…Ma va bene lo stesso. Sul campo ha funzionato il fair-play ed il bon ton. Trame di bel gioco per quel che possa passare il convento degli over 40, pelata, pancetta, pubalgìa, quadricipite, strappetto, mezzo stiramento, acciacchi senili, torcicollo. Finchè c’è birra in corpo, “parlano” le gambe; poi, stra-parla, la bocca. L’importante è divertirsi, sgranchire i muscoli, tenersi in esercizio e…vincere, quando sarà possibile. Sul campo ci vogliono i’cavalli’. Rigore? Quando arbitro fischiato, diceva Vujadin Boskov.  Il Marosimone, paludato nel suo splendido maquillage, continua ad offrire magiche giornate. Finalmente uno stadio degno di questo nome. Da cenerentola, a regina. Questo, è già fantastico. Favoloso. Necessita di qualche piccolo restauro e dell’impianto d’illuminazione a norma. Domenico Salvatore

Cerca nel sito